MotoGP LeMans. Tra pioggia, algoritmi random, Guintoli e Valentino

MotoGP LeMans

da , il

    rossi manda a quel paese la pioggia

    Sembra quasi mandare a quel paese la pioggia Valentino Rossi, imbufalito per il risultato che non corrisponde alle buone prestazioni che oggi avrebbe avuto la sua M1 se solo non avesse piovuto.

    Ma la pioggia si è abbattuta su Le Mans come un diluvio universale, e in pista è successo di tutto. Un gasatissimo Guintoli al peperoncino ha condotto la gara per alcuni giri insieme a Randy De Puniet, galvanizzato dal pubblico di casa. Poi, appena la ista ha iniziato a diventare scivolosa, un walzer di cadute ha polverizzato le aspettative di vittoria di molti, scaravenatndo prima Hopkins, e poi il suo team mate Vermeulen verso un podio tanto meritato quanto insapettato.

    A fine gara, le parole di Valentino Rossi, sfiduciato e deluso.

    Un grande peccato, ma la Michelin ci deve dare una mano e fare di più. Sull’asciutto avevamo fatte delle modifiche e la moto sembrava andar bene, nei primi giri ero molto veloce, ho fatto una bella partenza e la Yamaha stava andando bene. Speravo che non iniziasse a piovere perché potevo allungare, poi sul bagnato ho tenuto il primo giro e mezzo, dopo di che la gomma è andata in crisi. Forse era troppo dura o c’erano problemi di setting, facevo fatica a stare in piedi. Se non avesse piovuto sarebbe andata meglio. Ora bisogna lavorare e la Michelin ci deve dare un mano, fare qualcosa di più perchè la Bridgestone anche sull’acqua è di un altro pianeta. Ci manca anche un po’ di motore, rispetto alla Ducati soffriamo troppo ma il problema più grande sono le gomme. La Bridgestione ci sta dando regolarmente paga Stavo spingendo, mi sentivo bene con la moto ma quando è arrivata più acqua sono andato in crisi. Ho perso 6 punti da Stoner che non sono tanti ma è un peccato perché se non avesse piovuto sarei andato via. Spero che nei prossimi due gironi di prove cambino le gomme. Sono la cosa che mi preoccupa di più perché la Bridgestone è più avanti di noi e se non si hanno gomme al top si può fare ben poco. Adesso andremo al Mugello e speriamo di fare una buona gara“.