MotoGP Misano 2011: la pagella del giorno dopo

Con la ripresa del Motomondiale 2011 sulla pista di Misano ritorna anche il consueto appuntamento con la pagella del giorno dopo

da , il

    Anche il tredicesimo appuntamento del Motomondiale 2011, sul circuito internazionale di Misano, è andato in archivio e questa volta la vittoria va allo spagnolo Jorge Lorenzo, che precede Dani Pedrosa e Casey Stoner sul podio. Entusiasmante il duello per la quarta posizione tra Marco Simoncelli, Andrea Dovizioso e Ben Spies, che nel corso degli ultimi giri se le suonano di santa ragione e dopo qualche brivido il Sic si impone sul Dovi e sullo statunitense. Piccolo passo avanti per Valentino Rossi che si aggiudica una confortevole settima posizione.

    Jorge Lorenzo-10- Il maiorchino campione del mondo della MotoGP vince il GP di Misano 2011, dopo una gara rabbiosa e in fin dei conti senza alcuna smagliatura. Nella prima fase contiene il rivale al Mondiale e poleman Stoner, mentre nella seconda parte prende il largo verso la vittoria che potrebbe rilanciarlo nella rincorsa all’australiano per il trono di numero 1 delle due ruote. Con questa vittoria, il maiorchino si rialza per l’ennesima volta in questo Mondiale, dopo le batoste prese da Casey nelle ultime gare. Lorenzo Highlander

    Dani Pedrosa-9- Il numero 26 della Honda ufficiale con il secondo posto guadagnato oggi a Misano, indirettamente, fa un favore all’acerrimo nemico Lorenzo, strappando punti preziosi al compagno di squadra Stoner. Il suo sorpasso è uno dei momenti più intensi del GP e solo chi lo ha vissuto dal vivo sugli spalti può tradurre il gesto sportivo in un ricordo indelebile. Dani Fair Play

    Casey Stoner-8- Dopo aver conquistato la pole position con il nuovo record della pista, il leader della classifica mondiale non riesce a tradurre la sua velocità supersonica durante la gara di Misano. Non riesce a sorpassare l’accarognatissimo Jorge e quando meno se lo aspetta subisce il sorpasso-leggenda di Pedrosa e perde altri quattro punti di vantaggio su Jorge in classifica mondiale. A fine gara dichiara di essere stando e di non essersi ripreso da Indianapolis. Casey Stancher

    Marco Simoncelli-7.5- Dire che il duello tra il Sic, Dovizioso e Spies è stato splendido, sarebbe riduttivo. Aggiungere che, purtroppo, la bagarre non valeva il podio è un vero peccato, ma non sminuisce che l’azione in questione vale tutto il prezzo del biglietto. Marco, ritorna Super Sic e vincere una lotta del genere sarà un momento che i molti tifosi di casa, che sono accorsi sulle tribune del circuito non dimenticheranno facilmente. Vola Super Sic

    Andrea Dovizioso-7- Il Dovi ci prova ed è un peccato non riuscire a battere Simoncelli nel duello finale, proprio nel giorno in cui mostra più cattiveria e più voglia di vincere. Resta da dire che la bagarre del trio vale l’intero prezzo del biglietto del GP di Misano e che dovrebbe dare più sfogo al suo Dovi-power.

    Ben Spies-6.5- All’inizio parte scegliendo il profilo della timidezza, ma nella seconda parte di gara sfodera la stoffa del grande campione e dà il via ad una rimonta che lo riporta a ridosso della quarta posizione, dove andrà in scena la bagarre con gli italiani. Big Ben ci prova in tutti i modi, ma all’ultimo tentativo esagera e va largo, perdendo l’occasione di agguantare la quarta piazza. A Spies va comunque l’onore delle armi. Spies, il condottiero

    Valentino Rossi-6- Il ducatista fa un passo in avanti rispetto alle tragiche previsioni del fine settimana di Misano che lo hanno visto oscillare nelle posizioni oltre la decima. La partenza è ottima e durante i primi giri, sembra quasi di vedere la Ducati e il Rossi dei tempi d’oro. Si prende una sportellata dal Sic nelle prime battute della gara, ma poi si avvia ad una tranquilla domenica pomeriggio, nel quale “le prende senza poterle dare”; parole dello stesso Valentino che sembra soffrire nei panni del pilota di mezza fascia. C’è da lavorare e molto, per riportare Rossi e la Rossa ai fasti di un tempo, per adesso c’è solo da soffrire. Martire

    Loris Capirossi-non pervenuto- Nella gara in cui ha annunciato il ritiro, Loris non perviene al traguardo e molti si chiedono se non si sia ritirato già un paio di gare fa.