MotoGP Misano 2016: la storia e l’albo d’oro del Gran Premio di San Marino

MotoGP Misano 2016: la storia e l’albo d’oro del Gran Premio di San Marino
da in Misano Adriatico MotoGP, MotoGP 2017, Piloti MotoGP 2017, San Marino MotoGP, Storia-MotoGP, Team MotoGP 2017
Ultimo aggiornamento: Venerdì 04/11/2016 07:01

    Nel fine settimana si correrà il Gran Premio di Misano Adriatico presso il “Misano World Circuit Marco Simoncelli”. Quella del 2016 sarà la decima edizione consecutiva che si correrà su questo tracciato, tredicesima se si contano anche le edizioni tra il 1985 e 1987 per la Classe 500cc. Nella passata stagione, con condizioni climatiche ballerine, fu Marc Marquez a trionfare davanti ai tifosi italiani, mentre Valentino Rossi, dopo una battaglia di nervi con Lorenzo, chiuse al quinto posto finale. Quest’anno il ‘Dottore’, a secco di vittorie da sei gare, è tra i favoriti per la vittoria finale anche se tanti altri piloti sognano di poter salire sul gradino più alto del podio. Vi ricordate tutte le edizioni corse a Misano? Siete degli esperti del Gran Premio di San Marino? Sfogliate le pagine per rivivere le emozioni e la storia del GP di Misano. Per seguire LIVE in diretta web la gara della MotoGP Misano 2016, BASTA CLICCARE QUI!

    3 vittorie:

    Valentino Rossi (2008, 2009, 2014)

    Jorge Lorenzo (2011, 2012, 2013)

    1 vittorie:

    Dani Pedrosa (2010)

    Casey Stoner (2007)

    Marc Marquez (2015)

    Negli ultimi anni il Gran Premio di Misano è entrato in pianta stabile nel mondiale della MotoGP. In passato invece il tracciato romagnolo si alternava con Imola e il Mugello quale seconda gara dell’anno in Italia. Misano è stata tappa del motomondiale in tre edizioni dal 1985 al 1987 dove furono due americani a bordo della Yamaha a trionfare. Prima Eddie Lawson nel 1985 e 1986 poi Randy Mamola portarono la bandiera a stelle e striscie a sventolare sotto al cielo di Misano. Dall’edizione del 1987 ci vollero ben 20 anni prima di rivedere il motomondiale correre a Misano Adriatico. Dal 2007 in poi il tracciato non è più stato escluso dal calendario ufficiale della motoGP diventando di fatto un evento importante a livello nazionale e non solo.

    Stoner

    Il Gran Premio motociclistico di San Marino e della Riviera di Rimini corso il 2 settembre 2007 è stato il tredicesimo Gran Premio della stagione 2007 e ha visto vincere la Ducati di Casey Stoner nella classe MotoGP, Jorge Lorenzo nella classe 250 e Mattia Pasini nella classe 125. Per Stoner fu una vittoria fondamentale per il titolo anche grazie al ko tecnico di Valentino Rossi che dovette ritirarsi dopo appena 5 giri. Al via ci fu uno spettacolare incidente tra Dani Pedrosa e Randy De Puniet col francese che toccò lo spagnolo. Sul podio insieme a Stoner salirono le due Suzuki di Vermeulen e Hopkins. Marco Melandri e Loris Capirossi arrivarono in 4^ e 5^ posizione.

    Rossi Misano 2008

    Nel 2008 ci una bellissima doppietta Yamaha con Valentino Rossi davanti a Jorge Lorenzo. Insieme a loro salì sul podio anche Tony Elias con la Ducati. Per Casey Stoner, dopo aver conquistato la pole position, ci fu il ritiro al primo giro per una caduta. Tra la settima e la nona posizione ci fu un trenino di italiani con Dovizioso, Capirossi e Melandri. Nella Classe 250 fu Alvaro Bautista ad ottenere il successo mentre l’ungherese Gábor Talmácsi portò l’Aprilia al trionfo nella classe 125.

    Passò un’intera stagione ma anche nel 2009 furono due piloti Yamaha a tagliare il traguardo per primi: Valentino Rossi si impose su Lorenzo con la Honda di Daniel Pedrosa in terza posizione. Arrivo in volata per Dovizioso e Capirossi col primo che sopraggiunse il secondo per pochi decimi. Rossi, come si può notare nella gallery ad inizio pagina, si presentò sul gradino più alto del podio con due grosse orecchie da asino dopo il ritiro ad Indianapolis. A fine stagione Rossi si laureò campione del mondo. Nella 250 e 125 furono due piloti Aprilia a conquistare la vittoria, Hector Barbera e Julian Simon.

    Schianto di Tomizawa

    Il 2010 è stata un’edizione tragica per ciò che successe nella Moto2. Durante la gara il giapponese Shoya Tomizawa, dopo essere caduto, venne travolto da Alex De Angelis e Scott Redding, riportando gravi lesioni a livello toracico, addominale e cranico. Il pilota fu trasportato d’urgenza all’ospedale di Riccione ma non ci fu nulla da fare e morì. La gara continuò con la vittoria di Toni Elias. Nella MotoGP fu Dani Pedrosa a conquistare pole position e gara con Lorenzo e Rossi rispettivamente 2° e 3° al traguardo. Nella Classe 125 vinse Marc Marquez con la sua Derbi.

    Lorenzo

    La gara del 2011 fu l’inizio dei trionfi di Jorge Lorenzo. Da quella stagione iniziò una bella striscia positiva sul tracciato romangolo. Insieme al pilota della Yamaha salirono sul podio le due Honda di Pedrosa e Stoner. Il miglior italiano fu Marco Simoncelli, 4° al traguardo davanti ad Andrea Dovizioso. Per Valentino Rossi, a bordo della Ducati, solo un 7° posto finale. Loris Capirossi si dovette ritirare al 16° giro. In Moto2 fu Marc Marquez a trionfare con la sua Suter mentre Nicolas Terol portò l’Aprilia alla vittoria della classe 125.

    Casey Stoner, infortunato, viene sostituito da Jonathan Rea, impegnato a tempo pieno nel mondiale Superbike. In partenza Abraham ha un guaio tecnico sulla sua moto e la partenza viene cosi posticipata con anche Pedrosa a litigare con la sua Honda e costretto a ripartire dal fondo dello schieramento. In gara ci furono ben sei ritiri di cui cinque per incidente. A trionfare fu Jorge Lorenzo seguito dalla Ducati di Valentino Rossi. Terzo posto per Bautista a bordo della sua Honda che beffa per pochi millesimi Andrea Dovizioso. In Moto2 è ancora Marc Marquez a fare la voce grossa mentre Sandro Cortese, in sella alla KTM, conquista la Moto3.

    Jorge Lorenzo conquistò per il terzo anno consecutivo il Gran Premio di San Marino. Il pilota della Yamaha rifilò oltre 3 secondi a Marc Marquez, 2° e Dani Pedrosa 3°. Valentino Rossi, tornato in Yamaha, giunse 4° sotto la bandiera a scacchi. Andrea Dovizioso non andò oltre all’ottavo posto con la sua Ducati. Alla gara partecipò anche Michele Pirro in sostituzione di Ben Spies mentre Colin Edwards, con la FTR Kawasaki del team NGM Mobile Forward Racing, risulta essere il migliore dei piloti alla guida di motociclette CRT, chiudendo al dodicesimo posto la gara. In Moto2 fu Pol Espargarò a dettar legge mentre Alex Rins si aggiudicò la gara di Moto3.

    Dopo un anno e tre mesi di astinenza tornò al successo Valentino Rossi e raggiunse l’ennesima vittoria in carriera nel motomondiale. Il pilota della Yamaha riuscì a resistere agli attacchi di Jorge Lorenzo, secondo al traguardo. A completare il podio ci fu Dani Pedrosa. Per Marc Marquez, quando era in piena lotta per la vittoria, arrivò una caduta. Lo spagnolo riuscì ad alzarsi e seppur avesse una moto malconcia conquistò un punto iridato giungendo 15°. Belle prestazioni per due italiani con Andrea Dovizioso 4° e Andrea Iannone 5°. In Moto2 ci fu la doppietta del Marc VDS Racing con Rabat e Kallio davanti a tutti. In Moto3 invece fu doppietta della Estrella Galicia con i due spagnoli Alex Rins e Alex Marquez nelle prime due posizioni.

    L’edizione del 2015 è stata condizionata dalle condizioni metereologiche incerte. Prima asciutto, poi bagnato infine ancora asciutto per una gara dai mille colpi di scena. A vincere fu Marc Marquez, bravissimo ad azzeccare i momenti ideali per entrare a cambiare la moto. Sul podio anche Smith con la Tech3 Yamaha e Redding con la VDS Honda. Per quest’ultimo fu il primo podio in carriera in MotoGP. Valentino Rossi e Jorge Lorenzo si marcarono tutto la gara in ottica iridata. Alla fine lo spagnolo finì nella ghiaia e il Dottore chiuse al quinto posto alle spalle di Baz.

    1506

    PIÙ POPOLARI