MotoGP Misano. Yamaha a posto o no??!

MotoGP Misano

da , il

    valentino rossi yamaha misano

    Melandri in testa sotto una pioggia torrenziale, Rossi secondo davanti alle Ducati.

    Cose dell’altro mondo in questo mondiale senza più religione, dove il 31 agosto un acquazzone tarpa i sogni di gloria qualche centauro ormai lanciatissimo verso al conquista del Titolo Mondiale.

    Andiamo in casa Yamaha per sentire la situazione aggiornata ad oggi:

    Colin Edwards

    Stamattina è andata davvero bene. Quando mi sono abituato ad andare nel verso opposto rispetto ai tempi in cui correvo in Superbike, mi sono sentito a mio agio, la moto andava bene sul bagnato. All’inizio siamo usciti e abbiamo fatto qualche giro per un primo feeling con la pista, poi sono tornato ai box e abbiamo modificato un po’ la messa a punto. Abbiamo fatto quasi tutta la sessione con un set di gomme e andavano davvero bene, molto meglio di come siano andate sul bagnato quest’anno. Avevamo molto grip, cosa davvero incoraggiante. Ovviamente le sessioni di oggi pomeriggio sarebbero state di grande aiuto, quindi dovremo sfruttare al massimo il tempo che avremo a disposizione domani!

    Valentino Rossi

    Anche se oggi le condizioni del tempo sono state pessime, stamattina ho avuto buone impressioni dalla pista. Mi è sembrato sicuramente migliore di quando sono venuto qui a provare con una moto da strada per la Safety Commission. Penso che abbiano fatto davvero un buon lavoro per sistemare le irregolarità della pista: avevamo chiesto loro di riasfaltarla e ora non è affatto male. Naturalmente sul bagnato non possiamo spingere al massimo, ma sembra che la moto vada bene. A causa della pioggia abbiamo perso due ore, cosa che rende la situazione più difficile per tutti, ma domani abbiamo un’ora in più e le previsioni meteo sono abbastanza buone. Spero che ci sia un po’ di tempo per provare con pista asciutta. La mia prestazione di questa mattina è stata soddisfacente: abbiamo provato una nuova gomma posteriore da pioggia e ha funzionato bene. Melandri era abbastanza avanti, ma sono comunque contento. Naturalmente domani sarà un’altra storia con la pista asciutta, ma abbiamo fatto dei progressi anche in quell’ambito e quindi non vedo l’ora di tornare in pista.