MotoGP Motegi 2013, Lorenzo: Marquez deve essere penalizzato!

da , il

    MotoGP Sepang 2013, conferenza stampa

    Il tifone Francisco che sta per abbattersi nei pressi delle coste giapponesi, non è l’unico fenomeno che sta dando una scossa a questo week-end di gare a Motegi. Dopo il fatto commentato a caldo da Lorenzo sul contatto in pista durante il rientro di Marquez dopo il flag to flag di Phillip Island, Yamaha si è messa ad analizzare bene le immagini della collisione e Lorenzo viene illuminato da Mario Meregalli e Wilco Zeelenberg circa l’episodio accaduto.

    Alla luce di questo, il campione del mondo in carica rivaluta l’accaduto e chiede una penalità per il leader della classifica mondiale Marc Marquez.

    Secondo il regolamento, una squadra ha solo 60 minuti di tempo per presentare un ricorso e Yamaha non l’ha fatto, quindi il tutto potrebbe chiudersi solo con una polemica.

    Lorenzo non si accontenta; dopo il GP d’Australia in cui si trova nuovamente in corsa per il titolo, il pilota maiorchino cerca di sfruttare tutte le carte disponibili per tentare un avvicinamento maggiore al leader. Infatti, se i vertici decidessero di infliggere un’ulteriore penalità di un punto sulla licenza di Marquez, egli sarebbe costretto a partire dalla corsia dei box nel corso del prossimo GP. Queste sono le parole di Lorenzo: “Ho rivisto le immagini dell’episodio e ho cambiato idea rispetto a quella che avevo in Australia. Sia io che Pedrosa andavamo molto veloci in quel punto e avrebbe dovuto darci la precedenza; la colpa è chiaramente di Marquez. Serve un ammonimento, un punto di penalità sulla licenza di Marquez. Prima di Phillip Island il campionato era chiuso, adesso devo sfruttare tutte le carte a mia disposizione per cercare di avvicinarmi il più possibile. Non so se in quell’episodio possa essere penalizzato anch’io, ma in ogni caso non sapevo del fatto che questa penalità, se dovesse incorrere, porterebbe lui a 4 punti sottratti e quindi ad una partenza dal fondo.”