MotoGP Motegi 2015, Jorge Lorenzo: “Non avevo più il pneumatico anteriore”

MotoGP Motegi 2015, Jorge Lorenzo: “Non avevo più il pneumatico anteriore”
da in Interviste MotoGP, Jorge Lorenzo, Motegi MotoGp, MotoGP 2017, MotoGP Giappone
Ultimo aggiornamento: Domenica 11/10/2015 12:17

    Jorge Lorenzo è stato il grande deluso e sconfitto del Gran Premio di Motegi della MotoGP 2015. Lo spagnolo, dopo una prima bellissima parte di gara nella quale è riuscito a mettere un bel gap tra sè e Valentino Rossi, è stato incredibilmente beffato nel finale sia da Dani Pedrosa che dallo stesso Rossi. Lorenzo è cosi passato da una possibile vittoria che avrebbe riaperto definitivamente il discorso-campionato ad una resa. Ora il distacco di Lorenzo da Rossi in classifica generale è salito a 18 punti con sole tre gare da disputare. Per Valentino Rossi è sempre più vicino il decimo titolo iridato della sua straordinaria carriera. Per Lorenzo ora, oltre a vincere tutte le gare, dovrà sperare in un errore di Rossi o di un ‘aiuto’ da parte di qualche altro pilota che si metta tra di loro in almeno un podio da qui alla fine della stagione. Seguite insieme a noi la gara LIVE in diretta web del GP Russia F1 2015 da Sochi.

    Jorge Lorenzo è passato virtualmente da un possibile -5 (quando Lorenzo era in testa con Pedrosa secondo e Rossi terzo) ad un pesante -18 finale. Lo spagnolo ha disputato una ottima prima parte di gara poi è stato tradito dal pneumatico anteriore deteriorato oltremodo. Motivo? Lorenzo ha spinto moltissimo con pista bagnata e nella seconda parte di gara, quando la pista ha iniziato ad asciugarsi, ha perso sempre più grip. Discorso analogo per Valentino Rossi che ha consumato molto i suoi pneumatici ma è riuscito ad arrivare al traguardo in una condizione leggermente migliore a quella dello spagnolo. Ecco le parole di Lorenzo a fine gara: “Mi spiace aver chiuso terzo una gara che stavo conducendo. Ad un certo punto la gomma anteriore ha iniziato a sbriciolarsi e non ho potuto più spingere. Ho provato a seguire sia Pedrosa che Rossi ma loro avevano un grip migliore al mio. Ho rischiato di perdere molti più punti ma per fortuna sono stati solo 4 alla fine.” Per Lorenzo, ancora una volta, è stato decisivo il meteo ballerino di questa stagione: “Purtroppo siamo partiti con bagnato e abbiamo chiuso con asciutto come è già successo in altre circostanze. In queste condizioni è sempre un terno al lotto con i pneumatici. Un vero peccato che si sia distrutto l’anteriore. Ora ho un solo obiettivo da qui a fine campionato: vincere tutte le gare e sperare in qualche risultato positivo di Pedrosa, Marquez o delle Ducati”. Calcolatrice alla mano, con 75 punti ancora disponibile, tutto è ancora possibile anche se Rossi ha un vantaggio importante da gestire. Se Lorenzo dovesse vincere tutte e tre le gare finali dovrà comunque sperare che qualche pilota (almeno in uno di questi GP) arrivi in seconda posizione. Motivo? Se Valentino Rossi dovesse chiudere sempre secondo sarebbe matematicamente campione del mondo per 3 punti.

    505

    PIÙ POPOLARI