MotoGP Motegi 2016, Marc Marquez vince ed è campione del mondo!

MotoGP Motegi 2016, Marc Marquez vince ed è campione del mondo!
da in Honda MotoGP, Marc Marquez, Motegi MotoGp, MotoGP 2017, MotoGP Giappone, News MotoGP, Risultati MotoGP
Ultimo aggiornamento: Venerdì 04/11/2016 07:01

    Honda Repsol

    Marc Marquez è il nuovo campione del mondo della MotoGP 2016! Il pilota spagnolo è riuscito a laurearsi nuovamente campione bissando il titolo conquistato nel 2014. Il ragazzo di Cervera ha conquistato il suo quinto titolo iridato dopo quelli vinti nel 2010 nella Classe 125, nel 2012 in Moto2 e quelli del 2013 e 2014 in MotoGP. Ad inizio anno in molti, tra addetti ai lavori e fans delle due ruote, hanno pensato che Marquez potesse incappare in un campionato anonimo dopo le polemiche con Valentino Rossi sul finire della scorsa stagione e una Honda RC213V che ad inizio anno era inferiore alla concorrenza. Il pilota spagnolo ha lavorato duramente e ha risposto ai suoi detrattori con una stagione quasi perfetta che l’ha portato al titolo con alcuni Gran Premi di anticipo. Ripercorriamo il campionato e la storia del nuovo campione del mondo della MotoGP 2016.

    Marc Marquez ha vinto la MotoGP 2016. Lo spagnolo ha mostrato in pista di essere un grande campione e si è ampiamente meritato di vincere il suo quinto titolo in carriera. Marquez ha messo in mostra le sue qualità tecniche, la sua forza e un nuovo stile di guida in pista che gli hanno permesso di ottimizzare al meglio gli errori dei rivali al titolo. Le cadute e i tanti ritiri del 2015 hanno fatto maturare il pilota di Cervera in questo campionato. Lo spagnolo è passato da “spregiudicato” a “calcolatore” in pista e grazie a questo cambiamento non ha praticamente mai sbagliato in gara (a parte la caduta in Francia, poi chiusa con un 13° posto). La stagione del ‘Cabroncito‘ è iniziata con qualche problema di natura tecnica. Durante i test pre-campionato la sua RC213V non era all’altezza della concorrenza, era scorbutica e sembrava difficile da guidare. Tutto lasciava presagire ad un’altra stagione con i due piloti Yamaha a scappare via e lo spagnolo costretto agli straordinari per provare a tenere il passo. Questi valori sono stati confermati nelle prime gare (sopratutto con i pochi punti conquistati da Pedrosa e Crutchlow) ma, anche grazie alle cadute di Lorenzo in Argentina e quella di Rossi ad Austin, Marquez è riuscito a vincere subito due delle prime quattro gare (Termas e Austin) e conquistare anche due terzi posti (Qatar e Jerez). Un inizio super, poi la caduta in Francia che ha riportato in carreggiata i rivali della Yamaha. Da quel momento, seppur la sua RC213V avesse ancora delle lacune, lo spagnolo è riuscito a conquistare tre secondi posti consecutivi al Mugello, Catalunya e Assen. Marquez, sfruttando i ritiri dei rivali e raggiungendo con costanza e caparbietà i podi, è riuscito ad allungare in classifica generale. In Germania, alla gara di metà stagione, ha conquistato una vittoria che è servita per portarsi a +48 su Jorge Lorenzo e +59 su Valentino Rossi. La Honda, grazie ad un duro lavoro in fabbrica, ha portato i giusti accorgimenti che hanno reso le RC213V delle moto più competitive nella parte centrale del campionato e hanno agevolato Marquez e gli altri piloti della Casa. Lo spagnolo, all’inizio della seconda parte di campionato, ha avuto una leggera flessione di risultati ma ha gestito con intelligenza l’enorme vantaggio sui due piloti Yamaha. Un quinto posto in Austria, un terzo a Brno e due quarti posti a Silverstone e Misano hanno fatto avvicinare di 16 lunghezze Valentino Rossi. Il “Dottore”, con Lorenzo naufragato sulle piste bagnate di Brno e Silverstone, si è portato al secondo posto e sembrava pronto a dar fastidio per la corsa al titolo. Arrivati ad Aragon con Rossi distante 43 punti da Marquez, ci si aspettava che il pilota della Yamaha potesse avvicinarsi ulteriormente allo spagnolo. La rimonta del pilota di Tavullia però è stata stroncata sul nascere con una grande prestazione di Marquez che ha vinto il GP e rispedito a -52 Rossi con solo altre quattro Gare da disputare. Per lo spagnolo è arrivato ora il tempo di festeggiare il suo 5° titolo mondiale.

    Il 23enne di Cervera ha scritto un’altra pagina straordinaria della sua carriera. Lo spagnolo, alla sua nona stagione nel motomondiale, ha conquistato il suo quinto titolo in carriera, terzo nella MotoGP. Numeri impressionanti per lui, sopratutto se si considera che nei suoi quattro campionati disputati in MotoGP ne ha vinti tre. Quest’anno lo spagnolo ha dimostrato di aver anche raggiunto una maturità che nelle stagioni precedenti non aveva. L’esuberanza e la spregiudicatezza sembrano essere state centellinate per far posto ad una saggezza utile per andare molte volte sul podio e vincere più gare di tutti. Grazie a questo successo, Marc Marquez ha raggiunto a quota 5 titoli iridati leggende come Mich Doohan, Toni Mang e Jorge Lorenzo. La redazione di Derapate si complimenta con Marc Marquez per questa vittoria e fa i complimenti al nuovo campione del mondo della MotoGP 2016.

    888

    PIÙ POPOLARI