MotoGP Motegi 2017 qualifiche, Valentino Rossi: “Ho azzardato e non ha pagato”

L'intervista di Valentino Rossi dopo le qualifiche del Gran Premio di Motegi della MotoGP 2017. Il 'Dottore' è sceso in pista con gomme da asciutto quando la pista era ancora troppo umida e non è andato oltre al 12° tempo.

da , il

    MotoGP Motegi 2017 qualifiche, Valentino Rossi: “Ho azzardato e non ha pagato”

    Un Sabato da dimenticare quello di Valentino Rossi nel MotoGP Motegi 2017. Il pilota di Tavullia è prima caduto nelle FP4, poi non è andato oltre al 12° tempo in qualifica. Una quarta fila che complicherà i sogni di vittoria del campione di Tavullia nel GP di domani. Valentino Rossi, in Q2, ha deciso di azzardare una gomma con mescola differente rispetto alla concorrenza, con la speranza di fare un vero e proprio “colpaccio”. La pista, prima della manche finale della qualifica, era umida e in alcuni tratti la traiettoria era quasi asciutta. Tutti hanno optato per delle gomme da bagnato, Valentino ha invece scelto delle gomme slick soft.

    Questa scelta non ha pagato e dopo due tentativi è dovuto correre ai box per montare le extrasoft da bagnato. Nel suo unico tentativo non è però riuscito ad essere veloce e si è dovuto accontentare dell’ultimo posto in Q2. Domani Valentino Rossi sarà dunque costretto a partire dalla quarta fila e dovrà fare la “danza della pioggia” per sperare di fare un buon risultato. La redazione di Derapate sta seguendo la gara. CLICCA QUI per seguir il Gran Premio della MotoGP Motegi 2017 con risultati e classifica LIVE in diretta web.

    Ho deciso di provare a scendere in pista con le soft, ma non è stata una scelta corretta – ha analizzato Valentino Rossi – Non mancava tanto per far funzionare le slick, ma la pista era ancora un po’ troppo bagnata. Il mio errore è stato quello di stare in pista un giro di troppo con le gomme da asciutto. Volevo vedere quanto riuscivo a limare il crono, ma dopo il traguardo ho capito che ero ancora troppo distante dai tempi degli altri per sperare di farcela. Sono andato ai box e ho fatto un tentativo con le gomme da bagnato e probabilmente con due tentativi avrei fatto meglio“.

    Valentino Rossi ha ammesso che l’azzardo è stato dunque un errore, anche se ha fatto capire di non aver avuto molte scelte: “Con le condizioni di poco bagnato, la mia M1 fatica tantissimo. Non riusciamo ad essere veloci e per la gara mi auguro che piova. Con la pista bagnata sia maggiormente competitivi e dunque spero nell’acqua domani e non in condizioni miste“.

    Al Dottore, vista la pole position di Zarco con la Yamaha M1 2016, è stato chiesto se non fosse stato meglio correre quest’anno con la moto “vecchia”. Il pilota di Tavullia non ha voluto sbilanciarsi: “Con la moto dell’anno scorso abbiamo vinto più gare, ma avevamo lo stesso dei problemi di usura e abbiamo sofferto tanto su diversi tracciati. Ora è inutile fare paragoni col passato, ma lavorare per avere una moto migliore nel 2018. Honda e Ducati hanno fatto uno step importante e noi dovremo tenere il loro passo lavorando su elettronica e telaio. Nel complesso comunque non credo che avremmo vinto il campionato con la moto dello scorso anno“.