MotoGP Motegi. Rossi: “Finalmente posso svelarvi un segreto…”

da , il

    valentino rossi gomme motegi

    La stagione-flop della moto di Valentino Rossi sta finalmente volgendo al termine, dopo un’annata fatta di troppa inaffidabilità della parte tecnica e di troppa pressione da ogni punto di vista (fiscale, compreso).

    E’ in vena di confessioni il Valentino Rossi che, appena qualche giorno fa, ha dichiarato di star lavorando per il prossimo anno, piuttosto che incaponirsi sulla stagione in corso e rischiare di rimanere per l’ennesima volta a bocca asciutta.

    Dopo i test effettuati sulla pista di Motegi, il giorno dopo la gara, Valentino ha dichiarato: “Stiamo lavorando per il prossimo anno. Durante i test abbiamo fatto il primo vero test sul prototipo della M1 che utilizzeremo il prossimo anno. Non è la moto completa poichè il motore è lo stesso usato in gara, ma noi abbiamo testato due differenti assetti. Abbiamo, infatti, usato il motore usato domenica scorsa per essere in grado di valutare meglio i miglioramenti della moto. Un assetto ha visto la moto vibrare molto, anche se le sensazioni erano buone. Naturalmente questo era solo il primo passo, ma posso dire che è stato un buon test. Stiamo già lavorando per il prossimo anno. Dopo l’ultimo gran Premio a Valencia cercheremo di fare nuovi test e proveremo nuove soluzioni, soprattutto a livello di gomme. La Michelin sono sicuro ci darà del materiale ottimo, credo che con le gomme nuove mi troverò molto bene.

    L’ultmia frase sembra indirizzata unicamente alla Michelin, casa francese di pneumatici che in questa stagione non ha fatto bella figura e che aveva manifestato qualche perplessità su Valentino Rossi in confronto con alcuni piloti del recente passato.

    Valentino, inoltre, svela il problema che lo ha relegato in tredicesima posizione nel GP del Giappone di domenicascorsa: “Finalmente posso svelare il problema che abbiamo avuto ieri sera alla gomma anteriore; Era la temperatura: quando sono rientrato in pista dopo il cambio della moto la pista era ancora bagnata e la temperatura della gomma anteriore è calata drasticamente. Questo è il motivo per cui io e Edwards abbiamo avuto questi problemi nei primi giri. Ora noi andiamo in Australia e io confido di essere competitivo per poter terminare il campionato nel miglior modo possibile“.

    Del resto, è quello che speriamo anche noi!