MotoGP Mugello. Vermeulen: Capirossi, aiutami tu!

Chris Vermeulen si affida all'esperienza di Loris Capirossi per la Gara del Mugello

da , il

    Loris Capirossi Suzuki

    Ci sembra che da qualunque parte vada Capirossi, il risultato sia lo stesso.

    Ossia, un’ invocazione di aiuto dai suoi compagni di squadra.

    In principio furono molti, penultimo dei quali Casey Stoner che non dichiarò mai apertamente la sua richiesta di aiuto al centauro italiano durante il suo anno in Ducati, anche se sono in molti a credere che adesso, andato via Capirossi, Stoner potrebbe veramente avere problemi di sviluppo della moto.

    Secondo questa teoria, quindi, il cognome Capirossi diventerebbe un vero e proprio termine che si potrebbe tradurre tranquillamente i “colui che sviluppa la moto”.

    A pensar male, poi, si potrebbe veramente immaginare che dopo l’addio di Capirex, Stoner si sia ritrovato solo nello sviluppo e questo potrebbe essere il motivo di queste gare poco performanti.

    Ma noi non siamo cattivi e non pensiamo assolutamente in questo modo, anzi speriamo che Casey Stoner si riprenda per dare vita ad un Campionato spettacolare, ancora più della scorsa stagione.

    Comunque, dicevamo di Capirossi.

    Il “nonno della MotoGP” (e l’affermazione è più che mai affettuosa), anche adesso in Suzuki, sembra avere proprio tanto da insegnare ai suoi team-mate, ultimo dei quali quel Chris Vermeulen che tanto bene aveva fatto in SBK prima dell’arrivo in MotoGP, in cui non è mai stato seriamente in lotta per il Titolo.

    Adesso, a pochissimi giorni dal Mugello, Chris parla della gara e spera nell’aiuto di Capirex: “A Le Mans abbiamo compiuto importanti passi in avanti – dice il campione australiano – Sia in gara che in prova siamo andati meglio rispetto al recente passato, così adesso possiamo ambire ad un risultato migliore per il Mugello. Il potenziale che abbiamo mostrato in Francia ci ha dato una grande carica, anche se sappiamo che c’è ancora molto lavoro da fare per colmare il divario con i primi. Parlando del Mugello, è una pista bella, dove è difficile guidare al limite, ma penso che con Loris in squadra, considerando che per lui sarà la gara di casa, possiamo avere un vantaggio ed un aiuto in più!“.

    E che vantaggio…!