MotoGP news, Ezpeleta sul futuro ritiro di Valentino Rossi: “Non cambierà molto”

Il Ceo della Dorna è sicuro che non ci saranno grandi perdite in MotoGP con il ritiro di Valentino Rossi. Ezpeleta vorrebbe vedere il pilota come Team principal. Sarà vero?

da , il

    MotoGP news, Ezpeleta sul futuro ritiro di Valentino Rossi: “Non cambierà molto”

    Valentino Rossi si sta preparando per affrontare il MotoGP Jerez 2017. Il “Dottore” è arrivato in Spagna come leader del campionato, ma nelle ultime settimane in molti hanno parlato del suo futuro post-gare. A Dicembre del 2018 scadrà il suo contratto con la Yamaha e potrebbe anche decidere di appendere il casco al chiodo all’età di 39 anni. Sull’argomento è intervenuto anche Carmelo Ezpeleta, ceo della Dorna: “Il giorno che Valentino Rossi deciderà di ritirarsi non succederà nulla di particolare nell’ambiente della MotoGP. Anche quando si ritirò Doohan tutti erano sicuri che il motomondiale crollasse, ed invece non fu cosi. Lo spettacolo va avanti e con Marquez e Lorenzo la MotoGP è cresciuta ulteriormente negli ultimi 4-5 anni”.

    Cosa accadrà dopo il ritiro di Valentino Rossi?

    Valentino Rossi continuerà fino a 40 anni o smetterà alla fine della MotoGP 2018? Anche lo stesso pilota di Tavullia si è spesso interrogato sul giorno del suo ritiro. Ezpeleta non vuole comunque perdere la figura di Valentino nel paddock: “Ho già parlato con lui del suo possibile futuro – ha continuato il boss della Dorna – vogliamo che resti nel mondo della MotoGP perchè questo è il suo ambiente. Mi piacerebbe vederlo come Team Principal di una propria squadra nella classe regina”. La Yamaha inoltre non vuole perdere il proprio pupillo. Il “marchio” VR46 fa vendere molto sul mercato mondiale e per questo motivo la casa nipponica starebbe già pensando di fornire eventualmente le proprie Yamaha M1 al nuovo team VR46. Un progetto comunque futuro, visto quanto ha dimostrato finora in pista Valentino Rossi. Ezpeleta non pare intenzionato a “pensionare” a breve Valentino: “Lui ama le moto e le gare – ha concluso il CEO della Dorna – e noi vogliamo farlo sentire a suo agio il più possibile. Se vorrà continuare a correre è giusto che continui anche a 40 anni, se invece vorrà smettere lavoreremo per il suo futuro in MotoGP”.