MotoGP news, Valentino Rossi: “Non sono preoccupato del rapporto con Marquez”

da , il

    Valentino Rossi si sta godendo un periodo di meritato riposo dopo le fatiche della MotoGP. Il pilota di Tavullia, grande protagonista della stagione, è pronto a recitare un ruolo da protagonista nel 2016 e ha voluto chiarire la sua posizione nei confronti di Marc Marquez. Lo spagnolo della Honda, come tutti ricorderete, è stato il grande antagonista della parte finale di campionato ed è stato decisivo per l’assegnazione del titolo mondiale. “Il futuro con Marquez, non so. Ora come ora la storia è molto calda” ha confessato Valentino ad Autosport. Riuscirà il numero 46 della Yamaha a dimenticarsi dell’accaduto? Inizieranno subito scintille fin dai primi test? tanti interrogativi che verranno risolti con l’attività in pista ad inizio 2016.

    Dimenticarsi il 2015 sarà impossibile sia per Valentino Rossi che per tutti gli altri protagonisti della vicenda. Lo stesso Valentino lo ha fatto capire a più riprese anche se è parso ottimista e voglioso di rivincita nel prossimo campionato: “Non sono molto preoccupato per la prossima stagione. Ci saranno altre cose più importanti del mio rapporto con Marquez, in particolare la mia motivazione e voglia di vincere ma anche il rientro della Michelin e la centralina unica su tutte le moto. Smettere? Io non ho paura ho cercato solo di spiegare il mio punto di vista e far capire cosa era successo da Phillip Island in poi.” Se da una parte Valentino è pronto a ripartire, non si può dire diversamente per il suo compagno di squadra Jorge Lorenzo che sulle pagine di ‘Indo-Asian News Service’ ha spiegato il suo rapporto col ‘Dottore’: “Prima del Gran Premio della Malesia, il rapporto era buono – ha analizzato il campione del mondo – poi Valentino ha iniziato a dire che Marquez mi stava aiutando e da li si è incrinato. Dopo il titolo sono stato attaccato sui social dai fan italiani di Valentino, ma non ho alcun problema con lui. Quando si sentirà di parlarmi sa dove trovarmi. Valentino è un grande compagno di squadra ed è un bene per la Yamaha avere due piloti forti come noi”.