Motogp Olanda: i tre moschettieri ad Assen

la prossima gara della motogp 2009, in programma ad Assen, sarà un'altra sfida fondamentale per la lotta al titolo mondiale

da , il

    Il Gran Premio che si correrà in terra olandese, capita in un momento cruciale della stagione. Infatti, oggi abbiamo tre top riders appaiati in prima posizione con 106 punti, i quali sono i “tre moschettieri della regina Motogp”, Valentino Rossi, Casey Stoner e Jorge lorenzo.

    Se il campione del mondo in carica Valentino Rossi ha ritrovato morale e fiducia dopo l’ultimo capolavoro realizzato nell’ultima curva di Montmelò, i suoi rivali al titolo miondiale non staranno di certo a guardare.

    Il ducatisa Casey Stoner, rimasto tagliato fuori dall’epico scontro catalano tra Vale e Lorenzo, non ha assolutamente intenzione di perdere punti per la strada e qui in Olanda, promette di dare battaglia ai suoi diretti concorrenti: “Assen per me è particolare perché prima di correre in MotoGP, nonostante fosse uno dei miei circuiti preferiti, ero convinto che non fosse adatto a me per via dei risultati ottenuti. Poi dal 2006 le cose sono cambiate”.

    Sistemati gli ultimi dettagli di messa a punto della sua Desmosedici, l’australiano sarà uno dei protagonisti sicuri dell’appuntamento olandese della classe regina: ” l’ideale sarebbe avere un altro fine settimana di bel tempo per poter lavorare bene sulla moto e trovare un po’ più di ‘grip’ nel posteriore, che per ora è la sola cosa che ci manca. Per il resto infatti sono contento: la moto curva molto bene e l’anteriore è stabile in frenata. Negli ultimi test non stavo ancora benissimo e non ho girato molto ma abbiamo fatto il lavoro che ci serviva e adesso cercheremo di metterlo a frutto nelle prossime gare”.

    Dal canto suo invece, lo spagnolo Jorge Lorenzo sembra aver assorbito pienamente la lezione di guida subita, dal suo team mate Valentino, sul circuito di casa: ” dopo l’incidente non immaginavo che avrei avuto l’opportunità di tornare in testa alla classifica.Assen è la mia pista preferita e vado lì con molta fiducia nella moto e gomme”.

    Con queste premesse, le giuste condizioni meteo e le moto assettate nel modo giusto, potremo sperare di ammirare un’altro scontro tra questi tre epici eroi della Motogp. Da qui in avanti non si può più scherzare ed ogni errore individuale potrebbe escludere uno dei tre moschettieri dal rush finale del Motomondiale.