Motogp Olanda: la parola a Valentino Rossi

Valentino Rossi trionfa ad Assen, facendo il vuoto dietro di se'

da , il

    valentino rossi 100

    Il sabato di Assen ha avuto un solo protagonista: Valentino Rossi. Il trionfo solitaria olandese fa raggiungere il traguardo storico delle 100 vittorie al pesarese che, al termine della gara e’ giustamente molto felice per la sua prestazione e quella della sua Yamaha M1.

    Voglio dire grazie a tutti quelli che mi sono stati sempre accanto“, ha dichiarato l’8 volte campione mondiale ed ha aggiunto, “e soprattutto voglio ringraziare Yamaha che in questi anni mi ha dato grandi stimoli che mi hanno permesso di arrivare a questo traguardo, sono riuscito in un’impresa in cui solo Giacomo Agostini mi ha preceduto, ma non per questo smetterò di cercare nuove vittorie. Mi auguro di continuare così ancora per qualche stagione“.

    Per quanto riguarda la gara olandese, Valentino Rossi ha confermato l’amore per la sua Yamaha, che in questo campionato di Motogp si sta dimostrando la moto migliore del lotto, guidata oltretutto da un campione fantastico, che di manico ne ha da vendere: “Avevo buon feeling e sapevo di essere molto veloce in due o tre punti, per questo ho cercato subito la vetta ed è andato tutto bene. Da due gare abbiamo un setting perfetto e adesso bisogno ‘solo’ continuare così“.

    Nei weekend come quello di Assen, dove l’assetto della moto e’ perfetto, sin dalle prime prove, Valentino Rossi riesce sempre a mettere in evidenza la sua superiorita’. Sia dal punto di vista tattico che dal punto di vista mentale: allungare cosi’ tanto gia’ nei primi giri della corsa, martellando gli avversari con dei temponi da record, e’ stata una strategia che ha reso la gara oggettivamente noiosa, ma ha dimostrato, se ancora ce ne fosse stato bisogno, che lui e’ il numero uno!