MotoGP Olanda: Lorenzo pigliatutto

Jorge Lorenzo senza rivali: dopo Silverstone lo spagnolo vince anche ad Assen e vola in classifica iridata MotoGP

da , il

    Jorge Lorenzo non trova degni avversari nella sua cavalcata solitaria verso il primo titolo mondiale MotoGP. Dopo l’uscita di scena di Valentino Rossi non sembra esserci pilota capace di contrastare la sua supremazia in pista.

    Ad Assen il rider Yamaha ha ottenuto la seconda vittoria consecutiva (sul tracciato olandese Porfuera ha vinto in tutte le categorie in cui ha gareggiato) anche se ha un po’ sofferto la Honda di Dani Pedrosa e la Ducati di Casey Stoner.

    Jorge Lorenzo senza rivali: dopo Silverstone lo spagnolo vince anche ad Assen e vola in classifica iridata MotoGP. La supremazia Yamaha in questo Motomondiale è fuori discussione e l’assenza di Valentino Rossi ha spianata la strada al rider spagnolo.

    Sono contento di aver vinto qui in tutte le categorie perché è un tracciato storico e il pallone che avevo al parco chiuso era per celebrare l’hat trick,” ha commentato Lorenzo dopo Assen, “Il vantaggio in campionato è importante, così possiamo permetterci di procedere con maggior calma e relax.”

    In Olanda il centauro del Team Fiat Yamaha ha fatto bene in tutte le prove, dalle libere al warm up, anche se in gara ha faticato più del previsto per tenere a bada Pedrosa e Stoner: “Si è trattato di una gara un po’ più difficile di quella che si è corsa a Silverstone, perché Dani era davvero velocissimo con le morbide,” ha spiegato Lorenzo, “Mi sono dovuto concentrare al massimo per lasciarmelo alle spalle, ad un certo punto. Avevo però fiducia nel fatto che le mie Bridgestone dure più avanti mi avrebbero aiutato e così è stato.

    Lorenzo pensa già al gran premio di Catalogna, dove avrà l’occasione di conquistare la terza vittoria consecutiva davanti ai tifosi spagnoli, anche se dovrà tenere d’occhio Dani Pedrosa, sempre “gasato” davanti al pubblico di casa: “Adesso andiamo a casa, a Barcellona, e non sto nella pelle per la possibilità di correre nuovamente davanti al pubblico spagnolo.”