MotoGP Portogallo 2011: Lorenzo, “Estoril portafortuna”

MOTOGP PORTOGALLO - Una pista favorita ce l'hanno un po' tutti i piloti, ma sono pochi quelli che hanno eletto un tracciato a loro "talismano"

da , il

    MotoGP Portogallo - Jorge Lorenzo Estoril 2011

    MOTOGP PORTOGALLO – Una pista favorita ce l’hanno un po’ tutti i piloti, ma sono pochi quelli che hanno eletto un tracciato a loro “talismano”. Uno di questi è il campione del mondo in carica Jorge Lorenzo, che ritiene il circuito di Estoril la sua pista portafortuna poiché è lì che ha ottenuto la sua prima vittoria nella classe regina del Motomondiale.

    Il campione del mondo della MotoGP ha inoltre dominato le ultime tre edizioni del Gran Premio del Portogallo e si prepara a correre una corsa da protagonista anche nel prossimo fine settimana.

    MOTOGP ESTORILJorge Lorenzo correrà il GP di Portogallo in qualità di campione in carica della MotoGP e attuale leader del mondiale: la vittoria a Jerez nel Gran Premio di Spagna ha gasato il maiorchino della Yamaha che si presenta ora all’appuntamento con la pista di Estoril, per sua stessa ammissione “circuito portafortuna”.

    LORENZO – “Questa settimana saremo in Portogallo, un Paese al quale mi legano ricordi bellissimi. Ad Estoril ho ottenuto la mia prima vittoria in MotoGP nel 2008 e poi mi sono ripetuto anche nelle due stagioni successive,” ha dichiarato il campione della Yamaha, “Questa pista rappresenta il mio talismano e “l’astronauta” ci torna sempre volentieri!

    Il pilota maiorchino continua affermando di voler affrontare il Gran Premio del Portogallo al top della forma, in modo da poter competere al meglio con i rivali della Honda, e chiude con un’occhio ai test di sviluppo della Yamaha: “Mi sono allenato duramente per un mese intero e spero che questo mi aiuti ad essere in perfetta forma per questa gara. Siamo in testa alla classifica, è vero, ma è anche vero che siamo solo all’inizio del campionato,” ha commentato Porfuera, “Dopo la gara ci fermeremo a Estoril per una giornata di test e potremo provare un bel po’ di cose per il set-up futuro della mia M1.