MotoGP Portogallo 2011: Pedrosa vuole dare il massimo

MOTOGP PORTOGALLO - Il Motomondiale torna in pista dopo quasi un mese di pausa, tempo che Dani Pedrosa ha utilizzato per farsi operare (l'intervento dovrebbe aver risolto il problema all'arteria succlavia della spalla sinistra, che gli causava perdita di forza e sensibilità nel braccio dello spagnolo) e per sottoporsi alla relativa riabilitazione

da , il

    MotoGP: Pedrosa rientra a Estoril

    MOTOGP PORTOGALLO – Il Motomondiale torna in pista dopo quasi un mese di pausa, tempo che Dani Pedrosa ha utilizzato per farsi operare (l’intervento dovrebbe aver risolto il problema all’arteria succlavia della spalla sinistra, che gli causava perdita di forza e sensibilità nel braccio dello spagnolo) e per sottoporsi alla relativa riabilitazione.

    E il rider Honda, secondo il classifica generale piloti della MotoGP alle spalle di Jorge Lorenzo, ha deciso di rientrare già all’Estoril nonostante la ferita sia ancora fresca.

    PEDROSA – Lo spagnolo ha infatti tolto i punti di sutura solamente la scorsa settimana e chiaramente non è ancora al 100%, ma è deciso a correre il Gran premio del Portogallo per evitare di accumulare troppo gap nei confronti dei rivali Jorge Lorenzo e Casey Stoner: “Ho sfruttato al meglio queste tre settimane per fare quello che dovevo, prima l’operazione, poi la riabilitazione e ora sono contento di tornare in pista,” ha dichiarato lo spagnolo della Honda, “La ferita è ancora fresca e non so come starò all’Estoril, ma non vedo l’ora di verificare se tutto è andato bene e se potrò voltare pagina una volta salito in moto: vorrei correre nelle migliori condizioni“.

    MOTOGP ESTORILIn Portogallo dovrebbe tornare a correre anche Alvaro Bautista con la Suzuki, assente a Jerez a causa della rottura del femore sinistro. Di certo il meteo non aiuterà i piloti rientranti: “Voglio sfruttare bene le quattro sessioni di prove per preparare al meglio la gara, ma all’Estoril il meteo è sempre un’incognita data la vicinanza con l’Oceano Atlantico,” commenta Pedrosa, “Qui, poi, servirà tanta trazione per sfruttare al meglio la nostra buona accelerazione.”