MotoGP Portogallo: Pedrosa non molla

Dani Pedrosa non è per nulla intenzionato a mollare il secondo posto in classifica iridata MotoGP e proprio per questo ha deciso di correre ad Estoril dopo aver dovuto rinunciare a competere nel Gran Premio di Australia corso due settimane fa a Phillip Island

da , il

    Dani Pedrosa non è per nulla intenzionato a mollare il secondo posto in classifica iridata MotoGP e proprio per questo ha deciso di correre ad Estoril dopo aver dovuto rinunciare a competere nel Gran Premio di Australia corso due settimane fa a Phillip Island.

    Il rider spagnolo del Team Honda Repsol è rimasto deluso dal ritorno a casa forzato dovuto prevalentemente alle difficili – e per lui troppo rischiose – condizioni atmosferiche del tracciato australiano e spera di poter correre una buona gara per difendersi dagli attacchi di Casey Stoner e Valentino Rossi.

    Dani Pedrosa all’Estoril, dovrà cercare di tornare protagonista per cercare di difendere la seconda posizione nel Campionato del Mondo MotoGP 2010 dagli attacchi dei due campioni, che hanno entrambi mostrato di essere in gran spolvero in questo periodo. Ma la condizione fisica del centauro spagnolo della Honda resta una grande incognita in vista del Gran Premio del Portogallo: “La situazione dovrebbe essere migliorata notevolmente rispetto all’Australia,” ha dichiarato Pedrosa, “Il circuito non è così esigente come quello di Phillip Island e il tempo che ho avuto per recuperare avrà il suo peso.

    Lo scorso martedì mi hanno tolto i punti e la cicatrice va molto bene. Ho fatto parecchia riabilitazione e mi sento più forte. Può essere positivo il fatto di tornare alle quattro sessioni,” ha continuato lo spagnolo, reduce dall’infortunio di Motegi, “Estoril presenta alcune zone di frenata forti e ha molte buche, ma il fatto che abbia più curve verso destra può esserci utile. Non vedo l’ora di essere lì per testare le mie sensazioni“.