MotoGP Portogallo: Valentino Rossi vuole velocità sull’asciutto

MOTOGP PORTOGALLO - Il Motomondiale torna dopo tre settimana di pausa con il Gran Premio del Portogallo e Valentino Rossi si prepara a correre sul circuito dell'Estoril consapevole che la prova lusitana del mondiale MotoGP richiede una buona dose di velocità sia sull'asciutto che sul bagnato

da , il

    MotoGP Portogallo 2011 - Valentino Rossi

    MOTOGP PORTOGALLO - Il Motomondiale torna dopo tre settimana di pausa con il Gran Premio del Portogallo 2011 e Valentino Rossi si prepara a correre sul circuito dell’Estoril consapevole che la prova lusitana del mondiale MotoGP richiede una buona dose di velocità sia sull’asciutto che sul bagnato, dato che il meteo in Portogallo è sempre estremamente variabile.

    Il nove volte campione del mondo a Jerez ha dimostrato di poter essere competitivo sul bagnato e ora chiede alla Ducati uno sforzo per poter correre al livello di Honda e Yamaha anche sulla pista asciutta.

    VALENTINO ROSSI – “L’Estoril è una pista che mi piace abbastanza e che ci permette di continuare a lavorare sul set up della GP11,” ha dichiarato il rider Ducati, che in attesa di poter contare su una GP11 migliorata vuole affrontare al meglio le sezioni veloci del circuito portoghese, “All’Estoril le condizioni sono spesso incerte perché è una regione molto ventosa e vicina all’oceano e il tempo, specie in primavera, può essere molto variabile. Comunque, anche se a Jerez abbiamo visto che siamo già competitivi sul bagnato, in Portogallo spero di trovare il sole per poter sfruttare al massimo il tempo in pista.”

    DUCATI – “Con lo spostamento del GP Giappone abbiamo avuto tre fine settimana senza gare e, dopo la prova della GP12 a Jerez, ho potuto staccare un po’ la spina anche se ho continuato ad allenarmi per continuare il recupero fisico” – continua Valentino Rossi – “Abbiamo bisogno di capire sempre meglio la moto e di lavorare sullo sviluppo con l’obiettivo di essere più veloci sull’asciutto per la fase più intensa della stagione che inizierà a giugno, quando avremo sei gare in otto settimane.”