MotoGP Qatar 2011: Valentino Rossi soddisfatto delle prime libere

Nessuno si aspettava Rossi e la Ducati così in forma all'apertura delle prove libere del GP del Qatar 2011

da , il

    Rossi migliora qatar

    Ap/LaPresse

    Valentino Rossi è soddisfatto dopo il primo turno di prove libere in Qatar e crede di poter migliorare ancora le sue prestazioni nei prossimi turni: “siamo tutti molto contenti e finiamo il turno con un sorrriso. Perché il quinto tempo non è male, soprattuto guardando i distacchi minimi per tutti. Abbiamo modificato il setting della Ducati rispetto alle prove e sono riuscito ad andare subito bene. Con un ottimo ultimo run a fine sessione. Se riesco a togliere ancora un decimo, possiamo fare una buona gara”. Il Dottore della Ducati non si aspettava di essere così vicino a Dani Pedrosa, ma sembra aver capito dove intervenire per migliorare.

    Dopo i deludenti test effettuati a Sepang con la Ducati, nessuno si aspettava un Rossi così in forma all’apertura delle prima sessione di prove libere del Gran Premio del Qatar 2011. Il pesarese della Rossa è riuscito a conquistare il quinto tempo, ad un soffio dalla HRC di Pedrosa e per il fine settimana potrebbe riservarci altre inaspettate sorprese.

    Con la sua prestazione, Valentino conferma che la grande mole di lavoro fatta durante l’inverno dalla Ducati Corse sta iniziando a dare i primi risultati: “possiamo essere più competitivi, ma è già un passo avanti. Ci siamo accorti che durante i test avevamo fatto degli errori e quindi siamo tornati sul setting abbandonato, lavorando su una nuova strada. Sono a un decimo da Pedrosa, ma soprattutto guido meglio la moto e finalmente mi sforzo meno. Riesco ad essere più lineare e la moto curva anche meglio”; ha sostenuto Vale.

    E anche se Casey Stoner vola con la Honda, Rossi non vuole mollarlo e spiega gli aspetti tecnici sui quali il box è dovuto intervenire per rendere la Desmosedici competitiva al via della MotoGP 2011: “siamo intervenuti anche sul posteriore per avere più direzionalità e sull’anteriore per stabilizzarlo. Adesso risco a tenere giù la ruota davanti della moto! Abbiamo fatto un buon tempo e questi risultati ci motivano”.