MotoGP Qatar 2012: Stoner battuto da Lorenzo per dolore al braccio, Rossi polemico con Ducati

MotoGP: commenti dei protagonisti al Gran Premio del Qatar 2012

da , il

    MotoGP Qatar 2012: Stoner battuto da Lorenzo

    Jorge Lorenzo si gusta una grande vittoria nel Gran Premio del Qatar ma non si fa illusioni. Le Honda di Casey Stoner e Daniel Pedrosa gli daranno grandi grattacapi in futuro. Sul circuito di Losail solo un problema al braccio impedisce al campione del mondo in carica di ottenere il successo. Quanto a Pedrosa, il connazionale della Yamaha ha il grande merito di sbarazzarsi di lui al momento giusto altrimenti sarebbe stato un cliente scomodo fino all’ultima curva. Dalle retrovie, intanto, Valentino Rossi ammette la debacle e si dice convinto di non poter fare di meglio. La Ducati GP12 è un grande flop. Tira una brutta aria nel box di Borgo Panigale.

    Jorge Lorenzo: “Ho attaccato nel momento giusto”

    “Ho spinto al massimo per tutta la gara e alla fine Casey ha abbassato un po’ il suo ritmo e sono riuscito a vincere - Jorge Lorenzo capisce l’attimo giusto nel quale attaccare Stoner – Il momento in cui ho trovato il sorpasso credo che sia stato importante, perché forse se avessi lasciato Pedrosa davanti le cose sarebbero potute andare diversamente”. Il maiorchino ringrazia i tecnici Yamaha:“Sono molto contento perché il team ha fatto un grande lavoro durante tutto l’inverno. Le Honda oggi sono migliorate molto nel warm-up quindi essere riusciti a vincere qui è veramente magnifico”.

    Daniel Pedrosa: “Secondo posto incredibile”

    “Solo stamattina nel warm-up le cose sulla mia moto sono normali dopo un weekend pieno di problemi e siamo stati in grado di disputare una buona corsa con dei buoni tempi. La partenza è stata il momento chiave per me perché sono arrivato davanti ed ho potuto tenermi vicino ai primi. Alla fine c’erano dei problemi per Casey e sono riuscito a riprenderlo. Jorge lo ha superato nel momento giusto mentre io gli sono rimasto dietro per un altro giro perdendo terreno. Il secondo posto è comunque un risultato incredibile dopo tutti i problemi”.

    Casey Stoner: “Braccio Ko, colpa del guanto”

    “Già dopo circa quattro giri ho iniziato a sentir pompare il braccio e con il passare dei giri il problema è peggiorato. Alla fine non riuscivo neanche a sentire la leva del freno e quindi sono stato costretto a rallentare. Avevo degli spasmi al braccio ed ho cominciato a fare degli errori”, Casey Stoner spiega così i motivi del suo calo di rendimento. “L’importante però è che oggi in ogni caso abbiamo dimostrato di essere veloci e di poter fare paura a tutti. Senza il problema avrei potuto vincere. Essere comunque arrivato sul podio è un grande risultato. E’ stata una delle mie migliori gare in assoluto”, ha aggiunto il pilota Honda che ha dato la colpa dell’inconveniente ad un nuovo guanto usato:“Ho dovuto usare dei nuovi guanti. Forse erano troppo stretti. Per Jerez cercheremo di risolvere il problema”.

    Valentino Rossi: “Siamo peggio dello scorso anno”

    “Ho avuto dei problemi ad inizio gara perché quando mettiamo la gomma nuova abbiamo difficoltà in frenata. Barbera poi mi ha fatto andare largo ed ho perso 4-5 secondi senza i quali potevo stare nel gruppetto di chi mi era davanti. Nel finale ho anche fatto il mio miglior giro segno che con la gomma usata miglioriamo”. Ricostruite le fasi più importanti della sua gara, Valentino Rossi spara a zero sulla Ducati:“Non riesco a guidare la moto e non riesco a fare la differenza rispetto a Nicky Hayden nonostante sia quasi sempre stato in passato più veloce di lui. E’ strano andare forte con le gomme usate e piano con quelle nuove. A Jerez ci aspettiamo un passo gara non troppo diverso. Se non saremo decimi, possiamo puntare al sesto posto. Stiamo andando peggio dello scorso anno – ha aggiunto Rossi – Voglio essere sincero. Nicky ha fatto un weekend perfetto ma è arrivato sesto a 20 secondi! Io ho dato le mie indicazioni ma non siamo riusciti a migliorare. Purtroppo non sono un ingegnere e non so spiegare il perché. La cosa buona è che abbiamo un telaio che ci consente di spingere un po’ di più senza cadere – ha concluso sarcastico – Un segno di ottimismo? L’ottimismo lo abbiamo finito lo scorso anno”.