MotoGP Qatar: Ducati scalda i motori

Durante i test invernali della MotoGP l'australiano Casey Stoner si è definitivamente ritagliato il ruolo di principale rivale di Valentino Rossi

da , il

    Durante i test invernali della MotoGP l’australiano Casey Stoner si è definitivamente ritagliato il ruolo di principale rivale di Valentino Rossi. E la rinnovata Ducati Desmosedici GP10, col suo nuovo motore “Big Bang” che la rende più facile da guidare, si appresta a sfidare a moto dominatrice dell’ultimo mondiale, la Yamaha M1 del Dottore e dello spagnolo Jorge Lorenzo.

    E anche Nicky Hayden, dopo un anno di adattamento in sella alla Rossa di Borgo Panigale, è pronto a dire la sua fin dal Gran Premio del Qatar in programma domenica prossima.

    Abbiamo fatto progressi nella messa a punto e siamo contenti del livello con cui andiamo alla prima gara.

    Casey Stoner sintetizza così i progressi fatti quest’anno in casa Ducati: l’australiano ha fiducia nella sua Desmosedici e si sente pronto a sfidare Valentino Rossi e cercare di conquistare il suo secondo titolo mondiale in MotoGP.

    Per questa nuova stagione la Ducati ha fatto un motore molto più guidabile, più semplice per tutti da capire, e per quanto mi riguarda, adesso mi è più facile girare veloce anche con gomme usate.

    Una vittoria in Qatar sarebbe un’ottima partenza e dopotutto l’australiano ha sempre fatto bene sul circuito di Losail, avendo vinto le ultime tre edizioni.

    In Qatar abbiamo sempre ottenuto ottimi risultati eppure la pista non mi entusiasma in maniera particolare dal punto di vista della guida. In ogni caso hanno fatto bene a cambiare l’orario del GP dal giorno alla notte perché lo hanno reso diverso dagli altri, interessante per lo spettacolo e più divertente per noi,” ha dichiarato Stoner, “Daremo il massimo, però è solo l’inizio di una stagione molto lunga che comincerà a delinearsi solo verso il terzo o quarto gran premio.

    Pronto al via anche Nicky Hayden, che nei test pre-campionato ha fatto bene ed è riuscito a restare nella scia del compagno di scuderia e di Valentino Rossi: “Finalmente è arrivato il momento delle gare, siamo quelli che cominciano più tardi di tutti e non se ne poteva più di aspettare,” ha commentato il Campione del Mondo 2006, “I test sono andati discretamente. E in Qatar abbiamo stabilito una buona base che speriamo di riuscire a sfruttare per la prima gara.