MotoGP Qatar: la parola ai rookies

Esordire in MotoGP non è mai facile per i rookie provenienti dalle categorie inferiori, e ancora più dura è farlo affrontando la sfida notturna del tracciato desertico di Losail durante il Gran Premio del Qatar

da , il

    Esordire in MotoGP non è mai facile per i rookie provenienti dalle categorie inferiori, e ancora più dura è farlo affrontando la sfida notturna del tracciato desertico di Losail durante il Gran Premio del Qatar

    Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini), Hiroshi Aoyama (Interwetten Honda), Alvaro Bautista (Rizla Suzuki) e Hector Barbera (Paginas Amarillas Aspar): ecco le dichiarazioni di quattro esordienti nella classe regina del Motomondiale al termine della gara inaugurale del campionato del mondo MotoGP 2010.

    Gran Premio del Qatar: quattro esordienti hanno assaggiato per la prima volta la MotoGP sul tracciato notturno di Losail. Ecco le loro dichiarazioni.

    Sono abbastanza contento e direi che è stato un debutto alquanto positivo,” ha detto Marco Simoncelli (San Carlo Honda Gresini), undicesimo, “Diciamo che dopo tutti i test invernali un po´ in difficoltà alla fine sapevo che in gara me la potevo un po´ giocare chiaramente non con i primi ma con quelli di metà classifica e ce l´ho fatta. Ma posso dire che la mia prima gara ha avuto dei risvolti positivi e adesso bisogna andare avanti.

    Soddisfatto anche il campione del mondo in carica della classe 250cc, Hiroshi Aoyama (Interwetten Honda MotoGP), decimo: “Questo è un buon risultato: non eccezionale, ma buono sicuramente. Ho spinto al massimo per tutti e 22 i giri della gara e ho fatto il possibile. La mia partenza è stata orribile, ma ho recuperato fino al decimo posto… con un avvio migliore non so come sarei potuto finire.”

    Ho guadagnato i miei primi punti nella MotoGP e di questo sono abbastanza felice,” ha commentato Hector Barbera (Paginas Amarillas Aspar), dodicesimo, “Sono riuscito a partire bene, ma mi son ritrovato a perder terreno… E’ stato un peccato, perché avevo un passo da top ten, anche se finire dodicesimo non è un brutto risultato.

    Meno sereno è Alvaro Bautista (Rizla Suzuki), che si è ritirato dopo una caduta: “Per me è stata una gara disastrosa! Seriamente, ho avuto una brutta partenza e Barbera mi ha spinto fuori al secondo giro e ho perso terreno,” ha dichiarato lo spagnolo della Suzuki, “Nella seconda parte di gara ero da solo, per cui è stato come un turno di prove libere. Sul finale sono riuscito a passare due piloti e arrivare vicino a Simoncelli, ma sono caduto all’ultima curva. E’ stato un peccato non terminare la mia prima gara in MotoGP, ma vedendo il mio passo di gara oggi poteva essere una gara davvero positiva.”