MotoGP Sachsenring. La Honda riparte dalla Germania.

MotoGP Sachsenring

da , il

    indovina chi vince motogp

    Altro che Asterix e Obelix, questa domenica è stata tutta giapponese e, soprattutto, tutta Honda HRC che torna sul gradino più alto del podio dopo ben 11 gare.

    Proprio con Pedrosa, poi, pupillo della casa alata e top model su cui è stata costruita la RC212V versione 2007.

    Ben 25 punti conquistati dallo spagnolo che, sommati ai 16 raggranellati da un Hayden redivivo tornato di nuovo sul podio in terza posizione, fanno un bottino giapponese niente male, soprattutto perchè conquistato in terra tedesca, dove la casa alata non era data per favorita quanto la Ducati numero #27.

    E invece, i suoi due piloti hanno dato spettacolo (Pedrosa) e salvato la faccia (Hayden).

    Acqua fresca nel deserto di vittorie Honda 2007.

    Alla fine, le parole dei due piloti di casa.

    Dani Pedrosa: “Sono contentissimo! Per me questo è un risultato importantissimo. Le qualifiche sono andate bene, sapevo di poter essere veloce e ho iniziato a tirare da subito. Piano piano ho visto che avevo un buon passo e che potevo ambire alla vittoria e ci ho provato, vedevo che gli altri si allontanavano e ho cercato di guidare con calma e con concentrazione. Nel complesso, sono più contento per la vittoria di oggi che per i 25 punti recuperati a Rossi. L’importante era fare una bella gara dall’inizio alla fine al termine di un altro weekend laborioso, quando al Mondiale spero proprio che la moto migliori ancora. Devo ringraziare la squadra per il lavoro fatto e tutti i miei sostenitori che mi sono stati molto vicini!

    Nicky Hayden: “E’ stato un weekend difficile, ma è stato come ritornare all’anno scorso. Oggi la moto non era perfetta, soprattutto nel warm up, poi i miei tecnici hanno fatto dei miglioramenti e ho trovato il giusto feeling. Questi 16 punti sono proprio quello che ci voleva in vista della mia gara di gara, negli States. Voglio correre e voglio ricominciare a correre bene, anche perchè ho già vinto due volte a Laguna Seca e quest’anno vorrei che fosse la terza consecutiva!

    Soddisfatti, quindi, e talmente contenti da far scendere quasi le lacrime.

    Quasi, ho detto.

    Perchè un robot come Dani sembra non sia dotato di ghiandole lacrimari!

    Bravi ad entrambi!