MotoGP Sepang 2013, gara: Pedrosa torna alla vittoria in Malesia. Rossi 4° [FOTO]

Pedrosa domina e vince il Gran Premio della Malesia

da , il

    Ap/LaPresse

    Il circuito di Sepang vede il ritorno alla vittoria di Dani Pedrosa che, dopo una piccola rimonta sul connazionale di casa Yamaha Jorge Lorenzo, saluta tutti lasciandoseli alle spalle, andando a conquistare il Gran Premio della Malesia 2013. Gara perfetta amministrata di forza e con intelligenza dopo il bel sorpasso ai danni del campione del mondo che si vede coinvolto invece in un furioso duello con Marquez per cercare di restare ancorati alla scia di Pedrosa per la conquista della vittoria. Duello scaturito proprio da Lorenzo che non vedendone le possibilità di contrastare l’armata Honda, cerca di mettere un po’ di pressione al leader della classifica mondiale tentando attacchi anche piuttosto duri. Sfida che viene raccolta da Marquez che per 3 giri anima insieme a Lorenzo una gara in realtà noiosa. Chiude 4° Valentino Rossi una gara mai all’insegna della competitività necessaria per agguantare anche solo il podio. Bene Bautista che riesce a chiudere davanti a Crtuchlow che lo aveva passato nei giri precedenti. Lontane le Ducati con Dovizioso 8° e con Hayden e Iannone fuori dai giochi per problemi al motore. Espargarò sempre il migliore tra le CRT.

    Torna dunque alla vittoria Dani Pedrosa dopo uno stop durato 10 gare.

    ORDINE DI ARRIVO DEL GP DI MALESIA:

    1. Dani Pedrosa ESP Repsol Honda Team (RC213V) 40m 45.191s

    2. Marc Marquez ESP Repsol Honda Team (RC213V) 40m 47.948s

    3. Jorge Lorenzo ESP Yamaha Factory Racing (YZR-M1) 40m 51.860s

    4. Valentino Rossi ITA Yamaha Factory Racing (YZR-M1) 40m 55.542s

    5. Alvaro Bautista ESP Go&Fun Honda Gresini (RC213V) 41m 7.340s

    6. Cal Crutchlow GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 41m 7.492s

    7. Bradley Smith GBR Monster Yamaha Tech 3 (YZR-M1) 41m 16.055s

    8. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (GP13) 41m 30.302s

    9. Aleix Espargaro ESP Power Electronics Aspar (ART CRT) 41m 44.455s

    10. Yonny Hernandez COL Ignite Pramac Racing (GP13) 41m 46.608s

    11. Hiroshi Aoyama JPN Avintia Blusens (FTR-Kawasaki CRT)* 41m 48.856s

    12. Randy De Puniet FRA Power Electronics Aspar (ART CRT) 41m 59.447s

    13. Claudio Corti ITA NGM Forward Racing (FTR-Kawasaki CRT)* 42m 6.794s

    14. Hector Barbera ESP Avintia Blusens (FTR-Kawasaki CRT)* 42m 13.167s

    15. Colin Edwards USA NGM Forward Racing (FTR-Kawasaki CRT)* 42m 14.633s

    16. Danilo Petrucci ITA Came IodaRacing Project (Suter-BMW CRT)* 42m 14.742s

    17. Luca Scassa ITA Cardion AB Motoracing (ART CRT) 42m 33.121s

    18. Bryan Staring AUS Go&Fun Honda Gresini (FTR-Honda CRT) 42m 38.118s

    PILOTI RITIRATI:

    Michael Laverty GBR Paul Bird Motorsport (ART CRT) DNF

    Lukas Pesek CZE Came IodaRacing Project (Suter-BMW CRT)* DNF

    Nicky Hayden USA Ducati Team (GP13) DNF

    Damian Cudlin AUS Paul Bird Motorsport (PBM-ART CRT)* DNF

    Andrea Iannone ITA Energy T.I. Pramac Racing (GP13) DNF

    ULTIMO GIRO Pedrosa conquista una vittoria in totale solitudine davanti al compagno Marquez e Lorenzo. Rossi chiude in quarta posizione. Bautista la spunta su Crutchlow.

    GIRO 19 ancora due giri da completare, ma è pura formalità visto che Pedrosa non può perdere questa gara e gli altri piloti sono troppo distanti tra di loro per darsi fastidio

    GIRO 18 Gran Premio della Malesia che vede vicinissimo il trionfo di Pedrosa. Il pilota tornerebbe a vincere in questa stagione dopo l’ultima conquistata a Le Mans. Uno stop di 10 gare

    GIRO 17 non cambia nulla in pista. A meno di un colpo di scena, potrebbe già sventolare la bandiera a scacchi perché tutti i piloti stanno facendo gare a sé. Sembra una sessione di prove libere

    GIRO 16 ci avviciniamo alla fine della gara; mancano 4 giri:

    1 PEDROSA D.Repsol Honda Team giro 16

    2 MARQUEZ M.Repsol Honda Team+2.532

    3 LORENZO J.Yamaha Factory Racing+5.624

    4 ROSSI V.Yamaha Factory Racing+9.230

    5 BAUTISTA A.GO&FUN Honda Gresini+-1:45.703

    6 CRUTCHLOW C.Monster Yamaha Tech 3+-1:45.220

    7 SMITH B.Monster Yamaha Tech 3+-1:38.302

    8 DOVIZIOSO A.Ducati Team+-1:28.013

    9 ESPARGARO A.Power Electronics Aspar+-1:18.964

    10 HERNANDEZ Y.Ignite Pramac Racing+-1:16.327

    11 AOYAMA H.Avintia Blusens+-1:13.706

    12 DE PUNIET R.Power Electronics Aspar+-1:05.242

    13 CORTI C.NGM Mobile Forward Racing+-57.032

    GIRO 15 perde molto terreno Lorenzo, ma il suo probabile terzo posto sembra al sicuro. Marquez prova a recuperare sul compagno di squadra che guida la corsa, ma il distacco è sempre consistente

    GIRO 14 Pedrosa conduce saldamente la gara; dietro di lui Marquez. Un po’ più lontano Lorenzo. Rossi 4°. Cade Laverty

    GIRO 13 nel corso del 13° giro sembrano già delineate le posizioni. Il Gran Premio si è addormentato improvvisamente con un calo di prestazioni da parte di tutti già nel corso della prima metà gara

    GIRO 12 Dovizioso ed Hernandez sono le ultime due Ducati in pista, Dovi è 8, Yonny è 10°. In testa non cambia nulla a parte un recupero di Bautista su Crutchlow che potrebbe essere attaccato

    GIRO 11 calo di prestazioni da parte di Lorenzo che perde molto terreno ora dalla testa. Pedrosa sempre in testa, segue Marquez

    GIRO 10 siamo a metà gara: Pedrosa allunga ancora, ma bisogna fare attenzione a Marquez perché sta recuperando bene dopo essersi messo dietro Lorenzo. Rossi ormai definitivamente fuori dalla lotta podio a meno di un colpo di scena

    GIRO 9 seconda Ducati a ritirarsi in rapida successione. Motore cotto anche per Hayden che scende da una Ducati fumante (ma non in senso positivo). Intanto si rianima la lotta Marquez Lorenzo, ma Marquez questa volta ha preso molto margine

    GIRO 8 gran recupero di Cal Crutchlow che passa ora Bautista e potrebbe andare alla caccia di Valentino Rossi. Si ritira Iannone. Pedrosa sempre in testa

    GIRO 7 Il duello accesissimo e molto fisico tra Lorenzo e Marquez ha agevolato Pedrosa che allunga sugli inseguitori. Rossi perde molto terreno

    GIRO 6 Pedrosa si porta in testa con un sorpasso perfetto! Lorenzo e Marquez ai ferri corti che fanno scintille dietro di lui. CONTATTO DI LORENZO NEI CONFRONTI DI MARQUEZ! Lorenzo sta cercando di sottolineare a fatti quello che intendeva a voce durante le interviste. Duello infuocato e rischiano grosso

    GIRO 5 attacco fuori misura di Bautista nei confronti di Rossi; il pilota spagnolo è costretto a frenare improvvisamente e ad andare leggermente largo perdendo però molto terreno. Pedrosa chiude questo giro davanti a Lorenzo

    GIRO 4 Attenzione perché anche Bautista si è inserito in mezzo al gruppetto che ora si allarga a 5 piloti vicinissimi. Lorenzo guida sempre la gara, ma Pedrosa lo punzecchia

    GIRO 3 Marquez fa segnare il miglior tempo in gara nel corso del terzo giro; Adesso c’è un gruppetto molto compatto con quattro piloti molto vicini: Lorenzo-Pedrosa-Marquez e Rossi che recupera un po’

    GIRO 2 la corsa è guidata ora da Lorenzo, ma Pedrosa è vicinissimo a provare gli attacchi nei confronti del campione del mondo. Marquez leggermente dietro al compagno mentre Rossi sembra faticare un po’ già in questo frangente

    GIRO 1 partenza scattante per quattro piloti, ma è Lorenzo a mettersi davanti a tutti con Pedrosa, Marquez e Rossi che inseguono

    ORE 10:00 PARTITI! Attendiamo ora il primo passaggio dei piloti sul traguardo

    ORE 09:59 con la bandiera verde che sventola, i piloti si apprestano a fare il loro giro di ricognizione. E’ tutto pronto per il via, buon GP a tutti!

    ORE 09:50 rapida successione di scambi tra categorie in questo GP che vedono la MotoGP schierarsi sulla linea di partenza appena dopo la chiusura dell gara della Moto2. Mancano circa 5 minuti al via del Gran Premio della Malesia della MotoGP

    Buona domenica a tutti gli appassionati delle due ruote! Tra pochi istanti prenderà il via il Gran Premio della Malesia.

    Aggiornamenti a cura di Alessio Mora