MotoGP Sepang 2014, Valentino Rossi: “Non ho il passo desiderato”

Valentino Rossi non è andato oltre al sesto posto nelle qualifiche del Gran Premio di Sepang 2014

da , il

    Valentino Rossi

    Valentino Rossi è arrivato in Malesia con grandi aspettative e voglia di mantenere il secondo posto nel Mondiale. Dopo la vittoria di sette giorni fa a Phillip Island sembra che il Dottore abbia perso smalto e feeling con la Yamaha M1. Valentino Rossi ha avuto diversi problemi durante le prove del Venerdi, è caduto nella mattina di Sabato ed ha chiuso le qualifiche al sesto posto a quasi un secondo da Marc Marquez. Di certo non si può dire che sia stato un weekend perfetto. Ora per il pilota di Tavullia ci sarà da affrontare una gara di rimonta per provare a stare attaccato ai rivali per il secondo posto del Mondiale. Per seguire il LIVE della gara in diretta web, con aggiornamenti costanti, tempi e classfiche, BASTA CLICCARE QUI!

    Se Valentino Rossi ambisce a lottare per il podio domani, dovrà trovare una soluzione nel warm up: “Sono in seconda fila ed è molto importante per la gara perché penso sia una buona posizione considerando i problemi avuti finora- ha spiegato il pilota della Yamaha- Oggi è andata meglio di ieri, abbiamo migliorato, però non ho ancora il passo che vorrei per stare con gli altri. Finora non sono ancora riuscito a guidare bene la moto. Dalle qualifiche si evince che le due Honda e Lorenzo sono più veloce di me. Se domani vogliamo provare a stare con loro servirà un altro step che risulti decisivo. Dobbiamo eliminare il troppo chattering che abbiamo qui. Vista questa situazione, partire in seconda fila non è neanche male ma non basta se vogliamo arrivare in alto anche a Sepang”.

    Valentino ha poi spiegato quanto tema le due Honda in prospettiva gara: “Il tempo sotto ai due minuti, fatto registrare dalle Honda non è un caso. Secondo me l’aspetto su cui sono più forti è il passo. Dai dati in nostro possesso abbiamo notato che le Yamaha, dopo tre o quattro giri iniziano a scivolare molto, mentre le Honda riescono a gestire meglio la gomma posteriore sopratutto in presenza del forte caldo pomeridiano. Dobbiamo lavorare duramente adesso per trovare una soluzione che ci possa permettere di stare insieme a loro durante il Gran Premio”.

    Il numero 46 della MotoGP è stato inoltre protagonista di una caduta nelle prove libere 4: “Stavo provando la gomma dura davanti e stavo cercando di fare un buon ritmo per capire meglio il feeling. Non so se ero leggermente fuori traiettoria o se c’è stato qualche altro problema. Il davanti ha iniziato a vibrare e mi sono ritrovato a terra. Per fortuna non mi sono fatto nulla di grave.”.