MotoGP Sepang 2016, Valentino Rossi: “Bella gara, poi ho avuto problemi con l’anteriore”

da , il

    MotoGP Sepang 2016 – Valentino Rossi ci ha provato a vincere, ma alla fine si è dovuto arrendere e accontentarsi del secondo posto finale. Il “Dottore”, dopo una bella bagarre con Andrea Iannone, non è riuscito a contrastare l’altra Ducati di Andrea Dovizioso. Per il pilota forlivese è la seconda vittoria in carriera in MotoGP dopo il successo nel GP della Gran Bretagna nel 2009. Per Valentino Rossi sono 20 punti utili per la matematica conquista del 2° posto nel mondiale piloti a discapito di Jorge Lorenzo.

    In casa Yamaha continua l’astinenza da vittoria che è salita ora a 10 GP. Oggi entrambi i piloti sono riusciti a salire sul podio, ma alla fine a festeggiare è stata la Ducati con “DesmoDovi”. Per la casa di Iwata è stata comunque una Domenica positiva. Nel mondiale costruttori la Honda non è riuscita a chiudere i giochi e ora il vantaggio è sceso a 21 punti, mentre nella classifica a squadre la Movistar Yamaha è riuscita a portarsi in testa e ora dovrà difendere i 10 punti di vantaggio sulla Repsol Honda. Valentino Rossi, a fine gara, ha analizzato il suo Gran Premio: “Siamo partiti bene, con pista bagnata eravamo molto competitivi – ha spiegato il pilota di Tavullia – con Andrea Iannone è stata una bella battaglia. Ci siamo superati un po’ di volte. Poi la pista si è un po’ asciugata e quando mi ha attaccato Dovizioso sono andato lungo perchè avevo il pneumatico anteriore in crisi. Da quel momento non sono più riuscito a tenere il suo ritmo e ho tenuto il vantaggio su Lorenzo”. Valentino Rossi ha conquistato aritmeticamente il secondo posto nel mondiale. Ora nell’ultima gara di Valencia proverà a tornare al successo per fermare un’astinenza da vittorie che dura da 10 gare, esattamente le stesse della Yamaha. Un digiuno lunghissimo per il campione di Tavullia. Durante questo lasso di tempo sono riusciti a vincere sette piloti differenti, con 7 vittorie di piloti Honda (3 Marquez, 2 Crutchlow, 1 Pedrosa, 1 Miller), 2 successi per Ducati (1 Iannone e 1 Dovizioso) e uno per Suzuki (Vinales). A Valencia la Yamaha proverà a tornare al successo per vincere nuovamente il mondiale a squadre e togliere un titolo alla Honda.