MotoGP Sepang 2017, Valentino Rossi deluso: “Non sappiamo quale sia la soluzione ai nostri problemi”

Il Dottore della Yamaha non è andato oltre al settimo posto nel Gran Premio di Sepang della MotoGP. Valentino Rossi è parso molto deluso per i problemi della sua M1.

da , il

    MotoGP Sepang 2017, Valentino Rossi deluso: “Non sappiamo quale sia la soluzione ai nostri problemi”

    Il MotoGP Sepang 2017 ha evidenziato, ancora una volta, tutti i limiti della Yamaha M1. Le due moto ufficiali della casa di Iwata non sono riuscite ad andare oltre al 7° e 9° posto con Valentino Rossi e Maverick Vinales in grande difficoltà. Un risultato molto deludente dopo i recenti progressi mostrati a Phillip Island. Come spesso è capitato in stagione, la moto giapponese non sembra essere facile da gestire in condizioni di poco grip o di pista bagnata.

    Credo che da inizio campionato non siamo quasi mai riusciti a fare due gare positive di fila – ha spiegato Valentino Rossi – stiamo provando alcune soluzioni, ma non riusciamo a trovare quella giusta“. Questo risultato ha aperto nuovamente il dibattito su quale sia la causa di questi continui sali-scendi. Su alcune piste, com’è successo settimana scorsa a Phillip Island, la Yamaha sembrava la moto più maneggevole e veloce del lotto, su altre invece i risultati sono tremendamente deludenti.

    Probabilmente se oggi ci fosse stato un asfalto asciutto avremmo lottato per il podio con la Ducati e Honda – ha continuato VR46 – purtroppo ha iniziato a piovere prima del Gran Premio e con pista bagnata abbiamo ancora tanti problemi. La moto non va, non posso mai aprire il gas perchè sul posteriore non ho grip. Ho cercato solo di restare concentrato e cogliere il miglior risultato possibile. Stiamo cercando di trovare una soluzione, ma non riusciamo a trovarla“.

    Le due moto ufficiali sono state battute ancora una volta dalla M1 del 2016 di Johann Zarco. Valentino Rossi ha spiegato i motivi e dato anche un consiglio al pilota francese: “La moto dell’anno scorso era più competitiva e sul bagnato era bella da guidare. Anche io nella scorsa edizione del GP di Sepang ho lottato per la vittoria come ha fatto lui oggi. Ho sentito che Zarco è giustamente preoccupato in vista del 2018 perchè avrà a disposizione la mia moto. Io gli consiglierei di restare con la sua M1 perchè la Yamaha del 2016 va sicuramente meglio di quella attuale“.

    Parole forti e che faranno sicuramente discutere ad Iwata. Una bocciatura importante ad una moto che comunque ad inizio anno riusciva a vincere in scioltezza con Vinales. Ora che mancano poche settimane al test di Valencia, la situazione pare ancora critica. Cosa si deciderà di fare in ottica MotoGP 2018? si cercherà nuovamente una soluzione partendo dalla moto attuale oppure si ripartirà da capo con un nuovo progetto? Quello che sembra evidente è che la Yamaha attuale è inferiore alla concorrenza.