MotoGP Shangai. Valentino: “Pensa se non ci avessi provato!”

Mutuato il concetto da un celebre spot pubblicitario il cui il protagonista è stato proprio Valentino, si può applicarlo alla gara di oggi, sul circuito cinese di Shanghai

da , il

    Valentino Rossi Fast Web

    Mutuato il concetto da un celebre spot pubblicitario il cui il protagonista è stato proprio Valentino, si può applicarlo alla gara di oggi, sul circuito cinese di Shanghai.

    Gara “quasi” perfetta del talento di Tavullia, a parte un piccolo grande errore che, in fin dei conti, non ha compromesso più di tanto l’esito della gara.

    Sette giri alla fine, Valentino sta provando a punzecchiare Stoner che prende paga in curva, ma che svernicia l’italiano in rettilineo; dal box, Davide Brivio ai microfoni di Alberto Porta, ha intanto ringraziato Valentino “the Wizard” per l’opera che sta compiendo, ovvero tener testa al motore Ducati.

    Il pilota di Tavullia, mai paho, prova e riprova a sorpassare l’australiano con staccate al limite della fisica e sperando in un pizzico di fortuna, ma questa volta non basta. In una delle curve meno fortunate per la Yamaha, l’eroe Yamaha esce lungo e regala a Stoner 5 secondi di vantaggio e ad Hopkins la seconda posizione provvisoria.

    Una piccola sbavatura in una gara che sarebbe stata perfetta, e che porta a Valentino solo 20 punti invece dei 25 che il pilota pensava di riuscire a conquistare, giocandoseli presumibilmente negli ultimi 2 giri contro il fenomeno Ducati.

    A fine gara Valentino dirà: “In gara dovevo decidere se arrivare secondo o se provarci; ci ho provato ma sono arrivato lungo in staccata ed ho perso tempo. Ringrazio comunque la Michelin, qui la moto si guidava benissimo. Sapevamo che questa era una pista negativa per noi e quindi il secondo posto va bene (confermato anche da Brivio durante la gara). Il campionato è ancora lungo e comunque, in tutta la mia carriera ho sempre corso con le migliori moto, ma mai contro una moto che va così più forte delle altre.

    Poco male.

    Il campionato è ancora lungo e rimangono ancora 14 gare, e verranno sicuramente quelle più favorevoli a Yamaha. come Agostini ricorda durante Fuori Giri.

    La cosa che resta, e che si vede, è il talento di Valentino.

    E speriamo che basti per dar vita a futuri duelli avvincenti come quello di oggi contro la Ducari di Stoner. E Stoner stesso!

    Due contro uno: chi vincerà?