MotoGP Shangai. Yamaha al top, voce ai piloti

MotoGP Shangai

da , il

    MotoGP Shangai. Yamaha al top, voce ai piloti

    La stagione 2007, giunta alla sua quarta gara che si correrà domani sulla pista cinese di Shangai, ha mostrato oggi durante la sessione di qualifiche, come la superiorità delle Michelin sia netta sul fronte delle qualifiche con la super-gomma-chewing-gum. Su quattro GP disputati fino ad ora, le pole sono sempre andate in casa Michelin.

    Il problema resta. Portare le Chewing gum anche in pista non va bene, altrimenti si rischia di assistere di nuovo ad un truce spettacolo come quello visto in Turchia, quando le Bridgestone hanno completamente ucciso i piloti gommati francese.

    Valentino, alla sua terza pole stagionale, punta molto sulla gara di domani, sia per riscattare sè stesso e la sua moto dal disastro di Istanbul Park, sia per recuperare la testa della classifica mondiale, persa proprio per colpa delle gomme, domenica scorsa.

    Queste le sue parole dopo la pole conquistata nella seconda giornata di prove: “Oggi ho fatto un gran giro, sono andato veramente forte. Non pensavo di poter far un tempo così, ho guidato al limite senza commettere errori. Le Michelin da qualifica vanno molto forte però adesso dobbiamo pensare a domani. Per la gara sarà più difficile, non siamo i favoriti. Dobbiamo decidere se usare o no la nuova gomma, da dei vantaggi ma ha anche degli svantaggi

    Gli fa eco Colin Edwards, suo team mate, oggi terzo alle spalle di Hopkins: “Quando c’è questo grip la Yamaha è la miglior moto in pista. Ora speriamo di poter far bene anche in gara. Ringrazio la squadra perchè ha lavorato molto bene e speriamo di scegliere la gomma giusta per la gara di domani, altrim i rischi di terminare la gara in una posizione che non ci soddisfa sono alti.

    Riuscirà la Michelin a garantire una gomma qualitativamente accettabile fino agli ultimi giri della gara oppure assisteremo di nuovo ad un disastroso flop come quello di 7 giorni fa?