MotoGP Silverstone 2014, il processo alla gara [FOTO]

Con il nostro solito stile un po’ ironico, un po’ polemico ci accingiamo a mettere sotto accusa qualcuno

da , il

    Poteva mancare il nostro consueto processo alla gara dopo l’appuntamento di MotoGP da Silverstone 2014? Certo che no! Dopo aver dato i voti ai piloti con le pagelle complete, adesso vogliamo mettere sotto torchio con le nostre accuse i piloti che non hanno proprio fatto quello che ci si aspettava da loro. La gara è stata emozionante specialmente per la lotta al primo posto e per quella al terzo posto, mentre più indietro qualche pilota ha davvero deluso. E dire che in qualifica qualcuno ci aveva fatto anche ben sperare…

    Ad ogni modo con il nostro solito stile un po’ ironico, un po’ polemico ci accingiamo a mettere sotto accusa qualcuno. Siete pronti? Allora che abbia inizio il processo al GP di Silverstone della MotoGP 2014!

    Caso 1: Dani Pedrosa

    ACCUSA: come avevamo messo sotto accusa Marquez per la sua performance deludente a Brno, adesso è la volta di torchiare un po’ il suo compagno di squadra. Dani dispone della stessa Honda HRC che Marc riesce letteralmente a far volare, sia nei giri singoli (nelle free practice e nelle qualifiche), che in gara. Perchè non riesce ad andare altrettanto forte? Questa gara ha mostrato un po’ di grinta quando ha lottato con Rossi e, anzi, sembrava quasi averne di più ad un certo punto. Ma poi si fa passare di nuovo e si accontenta di un quarto posto. Che sia un po’ sopravvalutato dal team Honda e che non meriti di stare li?

    DIFESA: quale miglior difesa per Dani Pedrosa se non citare l’eccellente performance dello scorso GP di Repubblica Ceca? Nella stessa domenica di gara in cui Marc Marquez era in crisi lui si è portato a casa una splendida vittoria, dimostrando a tutti il proprio smalto. E di avere grinta l’ha dimostrato nel duello per il gradino più basso del podio.

    Caso 2: Andrea Iannone

    ACCUSA: male, decisamente male. Andrea ci ha un po’ deluso questo weekend in Inghilterra, vuoi anche per i bei numeri che ci aveva fatto vedere nelle ultime gare. Ci si aspettava di più da lui qui in Gran Bretagna, anche perchè comunque vedere un Dovizioso così competitivo con la Ducati a lottare ad armi pari con Honda e Yamaha ufficiali, ci fa pensare che poteva assolutamente fare meglio. Una caduta ha rovinato le qualifiche andando a compromettere il piazzamento in griglia ed in gara non è riuscito a migliorare. Speriamo si tratti solo di un errore di percorso…

    DIFESA: una caduta che non ci voleva quella in qualifica, che del resto ha compromesso anche la gara. Partire dietro, a meno che tu non abbia una moto davvero con un altro passo, non è mai cosa facile. E del resto le cadute capitano, come ha dimostrato anche lo stesso Marc Marquez nelle prove libere. Andrea è un pilota competitivo che ha talento e lo dimostrerà anche l’anno prossimo alla guida della Ducati ufficiale!

    Caso 3: Cal Crutchlow

    ACCUSA: Cal Crutchlow chi? Ah già, il pilota ufficiale della Ducati. In effetti ci si dimentica facilmente di lui visti i suoi piazzamenti in gara, sempre in fondo. Questo era pure il suo Gran Premio di casa, ma ha deluso, ancora una volta. Un risultato decisamente modesto, un dodicesimo posto che fa impallidire pensando a cosa è riuscito a fare Andrea Dovizioso con la sua Ducati. 35 secondi di distacco dal compagno di squadra sono davvero inaccettabili! E non si tratta di una tantum, visto che Cal è un habitué oramai dei nostri processi.

    DIFESA: non pervenuta. Anche la difesa non sa cosa dire di fronte ad una situazione del genere.

    MotoGP Silverstone 2014, paddock girls