MotoGP Silverstone 2017: storia e albo d’oro

La storia e l'albo d'oro del Gran Premio di Silverstone della MotoGP. Nell'edizione del 2016 ha vinto Maverick Vinales con la Suzuki.

da , il

    Parliamo della storia della MotoGP a Silverstone. Il circuito inglese può essere definito una pietra miliare del mondo delle corse motoristiche, è stato infatti inaugurato nel lontano 1947. Nonostante nel corso degli anni abbia subito diverse modifiche, alcune più radicali di altre, il tracciato non ha mai perso il fascino che lo caratterizza. Il circuito è nato dalle tre piste di atterraggio/decollo di un aereoporto che sono state inizialmente raccordate da tre curve secche, per poi evolversi nel corso degli anni mantenendo sempre la sua caratteristica di tracciato molto veloce, nonostante si è tentato più volte di ridurre la velocità di percorrenza di alcune curve immettendo delle varianti; altre importanti modifiche sono state fatte al disegno del tracciato, soprattutto dal 2010 quando è stata spostata la linea del traguardo tra la curva Club e la Abbey dove è sorta anche la nuova pit-lane e il nuovo paddock. Inoltre nello stesso anno il circuito è stato allungato di ulteriori 760 metri, portandone la lunghezza totale a 5891 metri. La redazione di Derapate sta seguendo la gara. CLICCA QUI per seguire la gara del Gran Premio della MotoGP Silverstone 2017 con risultati e classifica LIVE in diretta web.

    Tracciato

    Ecco una panoramica per capire meglio gli interventi che questo tracciato ha subito col passare degli anni (non sono incluse le modifiche del 2010):

    Senza titolo 1

    Il Motomondiale è tornato su questo circuito storico solamente dalla stagione 2010, dopo averlo abbandonato nel 1986, quindi i piloti non conoscono ancora tutti i segreti di questa pista inglese, vista anche la lunghezza non indifferente. Per quanto riguarda l’albo d’oro della MotoGP, abbiamo Jorge Lorenzo con 3 vittorie, Marc Marquez, Casey Stoner e Valentino Rossi, Maverick Vinales con una.

    GP 2010

    jorge_lorenzo_silverstone_2010_pole

    Nella prima edizione dell’era delle MotoGp che si corre su questo circuito i piloti al via sono solamente 15 (visto che Hiroshi Aoyama è costretto a saltare la gara per la frattura alla dodicesima vertebra dorsale rimediata nel warm up). La pole viene conquistata da Lorenzo in sella alla sua Yamaha che partità davanti a De Puniet e Dani Pedrosa, Casey Stoner chiude le qualifiche in sesta posizione subito alle spalle del suo compagno di squadra. Dopo la partenza Jorge si porta in testa e arriva ad avere un vantaggio di oltre 7 secondi che amministra fino al traguardo, questo certo non aiuta lo spettacolo, ma ci pensano Dovizioso, Hayden e Spies che accendono una bagarre per il podio che si conclude con il Dovi che riesce a precedere i due americani mentre Ben va a centrare il suo primo podio nella MotoGP precedendo un Hayden che perde l’occasione di tentare un ultimo attacco prima del traguardo a causa di un piccolo lungo a una delle ultime staccate. Quinto chiuderà uno Stoner in leggero sottotono.Purtroppo la corsa perde due nostri portacolori quali Marco Melandri che cade subito al primo giro e Loris Capirossi che incappa in una scivolata.

    GP 2011

    Il 2011 è stato caratterizzato dalla pioggia e da un asfalto scivoloso che ha portato molti piloti a cadere in gara, fra questi anche il campione del mondo in carica Jorge Lorenzo che viene tradito dall’asfalto inglese, oltre a un Marco Simoncelli che era in lotta per la seconda posizione con il Dovi e l’americano Ben Spies. Alla fine Stoner vince dominando la gara, secondo un ottimo Andrea Dovizioso e terzo uno stoico Colin Edwards che solo una settimana dopo l’operazione per la frattura alla clavicola procuratasi al Montmelò riesce a salire sul podio con la sua Yamaha Tech 3. Ai piedi del podio un Nicky Hayden su Ducati che firma anche il giro veloce, il suo compagno Valentino Rossi (per la prima volta su questo tracciato) chiude al sesto posto dopo un turno di qualifica disastroso che lo vede relegato al tredicesimo posto a quasi 1”5 da Nicky.

    GP 2012

    Il Gran Premio di Silverstone 2012 parte subito con una sorpresa; Alvaro Bautista parte dalla prima casella in griglia dopo aver ottenuto la pole position il giorno precedente, ma chiuderà poi la gara con il quarto posto. Jorge Lorenzo è davvero in forma e lo si evince dal fatto che fa segnare anche il giro più veloce in gara, andando a stabilire il nuovo record del tracciato (tempo in gara). Non sembrano esserci avversari per Lorenzo e infatti chiuderà la gara al primo posto conquistando una meritata vittoria. A concludere il podio una bella lotta in casa Honda tra i due piloti Casey Stoner e Daniel Pedrosa che chiuderanno il podio rispettivamente con il secondo e terzo posto. Molto male invece per quanto riguarda Valentino Rossi che con la sua GP12 giungerà sul traguardo 9° con un ritardo di oltre 36 secondi; il doppio rispetto al suo compagno Nicky Hayden che chiude 7° a circa 16 secondi dal vincitore.

    Ricordiamo che in questo gran premio la Bridgestone ha fornito ai piloti solamente il nuovo tipo di gomma, denominato 33, .

    GP 2013

    Il Gran Premio di Silverstone si chiude sotto il segno di un maestoso Jorge Lorenzo che vince la gara dopo un fantastico ed emozionante duello con il connazionale di casa Honda Marc Marquez. Il campione del mondo tiene a bada il giovane rookie per quasi l’intera durata della gara rispondendo bene ai suoi attacchi e tentativi di sorpasso; Lorenzo chiude una gara davvero interpretata in maniera magistrale, attendendo il momento giusto per riprendersi nel finale la posizione che gli consegnerà la vittoria più bella di questa stagione. Duello che inizialmente vede coinvolto anche Dani Pedrosa, ma il pilota spagnolo riuscirà a tenere il passo dei due contendenti alla vittoria solo fino a due giri dal termine. Molto indietro Valentino Rossi che ingaggia per la quarta volta consecutiva un duello con Alvaro Bautista e che vincerà all’ultimo giro. Caduta di Dovizioso nel finale.

    Gara stupenda con Lorenzo che ritorna alla vittoria!

    GP 2014

    Nel 2014 fu l’assolo di Marc Marquez. Il pilota della Honda conquista l’undicesima vittoria nelle prime dodici gare dimostrando tutto il suo talento e la supremazia tecnica. Per Marquez fu un dominio totale, con anche un sorpasso al limite su Lorenzo, dove si infilò appoggiandosi alla Yamaha dello spagnolo. A fine gara il distacco tra i due fu di oltre 7 decimi Lorenzo al traguardo. Per Marquez hattrick completato con pole position al Sabato e giro veloce in gara. Sul podio insieme allo spagnolo salirono Lorenzo 2° e Valentino Rossi 3° ad oltre 8 secondi. La Ducati di Dovizioso, dopo un’ottima qualifica, si dovette accontentare del quinto posto alle spalle della Honda di Dani Pedrosa.

    GP 2015

    Quello del 2015 è stato un Gran Premio molto bello e spettacolare. La pioggia ha condizionato la gara della classe regina che fu vinta da Valentino Rossi. Per il motociclismo italiano fu scritta una bellissima pagina grazie al secondo posto di un solido Danilo Petrucci, in sella della Pramac Ducati e al terzo di Andrea Dovizioso con la Ducati ufficiale. Nella Moto2 vinse Johann Zarco mentre in Moto3 arrivò il successo del britannico Danny Kent.

    GP 2016

    La Suzuki torna a vincere una gara del motomondiale a distanza di 9 anni, ovvero dalla vittoria di Chris Vermeulen al Gran Premio di Francia 2007 con la GSV-R. Il tutto è stato possibile grazie al talentuoso Maverick Vinales. Lo spagnolo è riuscito ad aver la meglio di Cal Crutchlow, secondo e Valentino Rossi, terzo. Giornata amara per Jorge Lorenzo, soltanto ottavo con la sua Yamaha. Nelle classe minori è arrivata la vittoria di Luthi in Moto2 e quella di Binder in Moto3.