MotoGP Silverstone: il primo podio di Ben Spies

Sono bastate solamente cinque gran premi in MotoGP per salire sul podio: lo statunitense Ben Spies (Yamaha Monster Tech3) è uno abituato a bruciare le tappe, basti pensare al campionato del mondo Superbike vinto al primo anno!

da , il

    Sono bastate solamente cinque gran premi in MotoGP per salire sul podio: lo statunitense Ben Spies (Yamaha Monster Tech3) è uno abituato a bruciare le tappe, basti pensare al campionato del mondo Superbike vinto al primo anno, quando la maggior parte dei circuiti per lui erano “nuovi”.

    Come era nuovo per tutti ieri il tracciato di Silverstone. E Texas Terror ne ha approfittato per beffare molti dei rider più esperti e blasonati e piazzarsi al terzo posto.

    Ben Spies sale sul podio della MotoGP dopo appena cinque gare in questa sua prima stagione ufficiale (più le quattro disputate tra il 2008 e il 2009): “Non mi aspettavo di salire sul podio così presto, specialmente dopo la giornata di ieri che non è stata la migliore per me,” ha dichiarato Texas Terror, “La partenza è stata buona, mi son ritrovato insieme a Pedrosa e e Simoncelli, quando poi mi sono reso conto che potevo lottare per il podio ho cercato di conservare la gomma posteriore per gli ultimi giri. Nel finale ho dato il massimo e sono felice di questo risultato, è una prestazione che mi da fiducia.

    Ben Spies ha disputato una gara attenta e ha rischiato soltanto nel finale, quando aveva campito di aver margine per tentare l’assalto al podio, e si è arrischiato a passare la Ducati di Nicky Hayden all’ultimo giro, riuscendoci.

    Non è stato facile passare Nicky hayden, andava molto forte in rettilineo e chiudeva bene le curve,” continua Ben Spies, “Ci ho provato prima alla Stowe per poi riuscirci in un attacco successivo. Penso non sarà facile replicare presto questo risultato, ma oggi posso dire di essere il terzo miglior pilota del mondo grazie a questo risultato, è una bella sensazione.”