MotoGP: Simoncelli accusa la Honda

Continua, anche fuori dalla pista, il momento no della Honda MotoGP che esterna il suo malumore attraverso le dichiarazioni dei suoi piloti, come per esempio Marco Simoncelli

da , il

    A pochi giorni dal via della MotoGP 2010 con il Gran Premio del Qatar, continua il momento negativo in casa Honda-Gresini e tensioni e colpe ricadono sui suoi piloti. Uno dei maggiori indiziati del crollo di prestazioni della sqaudra satellite è l’esordiente Marco Simoncelli, il quale cerca di difendersi scaricando la responsabilità sulla casa madre: “le abbiamo davvero provate tutte, ma niente ci ha portato sulla giusta strada”. Dello stesso avviso è il team mate, Marco melandri che non è riuscito a migliorare i tempi che registrava con l’exHayate.

    Continua, anche fuori dalla pista, il momento no della Honda MotoGP che durante i test invernali ha evidenziato tutti i suoi limiti davanti ai colossi Yamaha e Ducati, guidati rispettivamente da Casey Stoner e Valentino Rossi.

    La Honda ufficiale di Dani Pedrosa sembra scomparsa dai rilievi cronometrici, mentre l’altro centauro, l’italiano Andrea Dovizioso sembra trovarsi a suo agio sulla nuova HRC.

    Per il Team San Carlo Honda, invece, dopo la delusioni degli scorsi anni, il 2010 doveva essere l’anno del riscatto avendo ingaggiato, tra i suoi piloti, un ritrovato Marco Melandri e un promettente Marco Simoncelli. A rovinare i sogni di gloria italiani, però, ci sono state le cattive prestazioni dei due riders, che tra cadute varie e cattivi piazzamenti non hanno portato buoni risultati durante i test invernali.

    Per esempio Marco Simoncelli è stato additato come uno dei fattori che hanno pregiudicato lo sviluppo del prototipo 2010. Ma il campione mondiale 2008 della 250cc non ci sta e passa al contrattacco, esternando il suo malumore: “non credo sia soltanto nostro il problema, perché vedo che quasi tutti gli altri piloti Honda soffrono dei nostri stessi problemi. Tra poco ci sarà la prima gara e l’attuale situazione ci preoccupa abbastanza”.

    A suscitare ancora più fastidio in Super Sic è forse il momento positivo di uno dei suoi storici rivali, Héctor Barberà, che sta invece guadagnando sempre più fiducia alla guida della sua Ducati, raggiungendo buoni risultati.