MotoGP: Simoncelli felice per il suo “tempone”

Il rider del team Honda Gresini si è detto davvero soddisfatto per il gran tempo di oggi, addirittura inferiore rispetto a quello fatto segnare ieri da Dani Pedrosa sulla Honda ufficiale

da , il

    Motogp - Marco Simoncelli al Test di Sepag 2011

    MOTOGP – I test di Sepang hanno avuto oggi come protagonista un pilota italiano: Marco Simoncelli ha confermato la superiorità Honda in questi test pre stagione (il rider capellone guida infatti una moto satellite del team Honda San Carlo Gresini) ma ha offerta un’interessante variazione dopo il monotono dominio di Casey Stoner e Daniel Pedrosa.

    E Simoncelli si è detto “veramente contento” per il suo “straordinario tempone”, ma ha comunque sottolineato che continuerà a lavorare con i piedi ben piantati a terra.

    SIMONCELLI – Il rider del team Honda Gresini si è detto davvero soddisfatto per il gran tempo di oggi, addirittura inferiore rispetto a quello fatto segnare ieri da Dani Pedrosa sulla Honda ufficiale: “Sono veramente contento,” ha dichiarato Marco Simoncelli, “Nei Test di Valencia avevo capito che la moto nuova aveva un buon potenziale ed avevo un buon feeling. Se poi considero che questa non è la mia pista favorita devo essere più che felice, sono stato molto costante ieri e questa mattina sono riuscito a fare questo straordinario tempone.”

    In giornata ho poi fatto la simulazione gara nel corso della quale sono stato costante ed alla fine non sono arrivato stremato come in gara,” ha continuato SuperSic, “Insomma sono contento a 360°. La squadra ha funzionato perfettamente anche con i nuovi inserimenti. Tutto ha girato alla perfezione.”

    Simoncelli vuole prendere l’ottima crono di oggi come un buon segno in vista del mondiale MotoGP 2011: “Siamo migliorati tutti io per primo, i ragazzi la moto e sono convinto che quest’anno ci sarò anch’io,” ha detto scherzando (ma non troppo) il giovane pilota italiano, “Naturalmente è il primo test e non gasarci troppo, dobbiamo continuare a lavorare così tenendo i piedi ben saldi a terra.”