Motogp Spagna: Livio Suppo, “Stoner ha dimostrato di essere umano”

Livio Suppo commenta la deludente prestazione delle Ducati a Jerez de la Frontera

da , il

    livio suppo marco melandri

    Quello appena trascorso a Jerez de la Frontera, non è stato un gran week end per la rossa di Borgo Panigale. Si sapeva che non era il circuito preferito dalla Ducati, ma la prestazione di Casey Stoner è decisamente insufficiente e quella di Marco Melandri altrettanto, visto che il ravennate non riesce proprio a sfruttare al meglio la GP8.

    Livio Suppo commenta così la prestazione del campione del mondo:”Stoner ha dimostrato di essere umano. Nonostante l’errore se non si scontrava con Nakano poteva arrivare quinto. Il nostro pacchetto qui non è stato perfetto come in Qatar e su altre piste, è accaduto anche l’anno scorso. Si sapeva che avremmo corso in difesa. Casey comunque è stato bravo, non ha mollato, ci ha creduto. Forse ha osato un pò troppo nei primi giri ma fa parte del carattere dei campioni“.

    Per quanto riguarda Marco Melandri, invece, il suo problema è alla base: non una giornata storta, ma un mondiale in salita, visto il bruttissimo rapporto del pilota con la sua Ducati: “Marco ha avuto un inizio più difficile di quello che pensavamo, ma ha talento e grinta“. Vedremo se nel corso del campionato riuscirà a prendere un po’ di confidenza: d’altra parte, siamo solo all’inizio.

    Per quanto riguarda la moto, che da straordinaria nel Gran Premio di Spagna si è dimostrata “normale”, il team Ducati sta già lavorando per migliorare ciò che non va e per rendere il mezzo di nuovo competitivo. E, perchè no, imbattibile come l’anno scorso: “Stiamo provando qui per sistemare un pò di cose, inoltre ci sono Filippo Preziosi e i ragazzi a casa che stanno lavorando per migliorare la moto. Abbiamo fatto passi avanti con l’erogazione della potenza del motore. Casey e Marco hanno apprezzato lo sviluppo. Ci sono piste dove l’erogazione dà vantaggi, ma la coperta è corta. Ci sono piste in cui alcune moto fanno più fatica delle altre“.