MotoGP Spagna: Pedrosa 2° al termine di “una gara molto difficile”

MOTOGP SPAGNA - Dani Pedrosa è al settimo cielo per il secondo posto ottenuto nel Gran Premio di Spagna 2011 della MotoGP: un ottimo piazzamento conquistato al termine di una gara difficile che ha visto cadere molti piloti

da , il

    MotoGP Jerez 2011 Pedrosa

    MOTOGP SPAGNADani Pedrosa è al settimo cielo per il secondo posto ottenuto nel Gran Premio di Spagna 2011 della MotoGP: un ottimo piazzamento conquistato al termine di una gara difficile che ha visto cadere molti piloti (tra cui il suo compagno di scuderia, Casey Stoner, tirato giù da Valentino Rossi) e dopo una dura lotta con il braccio malandato.

    Il risultato di Jerez ha caricato Pedrosa, che si sottoporrà a un intervento chirurgico per tornare più in forma e competitivo al termine della pausa del Motomondiale.

    DANI PEDROSA – “E’ stata una gara molto difficile. Alla partenza, molti piloti mi hanno passato e ho pensato ‘ok, è finita’. In ogni caso sapevo che i giri erano ben 27 e che la situazione sarebbe diventata critica per le gomme,” ha dichiarato lo spagnolo del team Honda Repsol, soddisfatto per quanto ottenuto nel Gran Premio di Spagna di MotoGP 2011, “Ero un po’ nervoso a causa del brutto scatto al via, ma quando ho realizzato che nel primo giro sono andato più forte che nel warm-up, mi sono calmato e ho iniziato a migliorare.”

    Pedrosa racconta quindi delle difficoltà incontrate in gara da molti piloti, una situazione non facile che però lui ha saputo gestire al meglio: “Ho preso un buon ritmo e ho dovuto guidare con la massima concentrazione per non compiere alcun errore, sarebbe stato infatti molto facile cadere. Alcuni piloti sono iniziati a scivolare e la questione essenziale era di resistere,” continua il rider Honda, “Ho provato a raggiungere Lorenzo quando ho visto il gap ridursi ad un secondo, ma a dieci giri dalla fine le gomme erano quasi finite; non riuscivo neanche ad aprire il gas in rettilineo per la scivolosità della pista. Quando Spies è caduto, il gap che avevo rispetto a Nicky Hayden era grande abbastanza per poter mantenere la seconda piazza, così ho tagliato il traguardo davvero felice.”