MotoGP Spagna: si correrà a Jerez

Ufficializzato il rinvio del Gran Premio del Giappone, da correre il 3 ottobre a Motegi, la Dorna ha rassicurato appassionati e addetti ai lavori sul regolare svolgimento del prossimo Gran Premio di Spagna che si terrà a Jerez de la Frontera il prossimo 2 maggio

da , il

    Ufficializzato il rinvio del Gran Premio del Giappone, da correre il 3 ottobre a Motegi, la Dorna ha rassicurato appassionati e addetti ai lavori sul regolare svolgimento del prossimo Gran Premio di Spagna che si terrà a Jerez de la Frontera il prossimo 2 maggio.

    La situazione nei cieli europei è infatti migliorata (nei giorni scorsi gli aeroporti sono stati chiusi a causa della cenere eruttata dal vulcano islandese Eyjafjallajokull) e non dovrebbero esserci problemi a far rientrare dal Giappone le motociclette e il materiale per il gran premio spagnolo.

    Il GP di Spagna in programma a Jerez si correrà regolarmente.

    Ad assicurarlo è il direttore operativo Dorna incaricato alla logistica, Carlos Jorba: “Le 270 tonnellate di materiale che sono a Motegi saranno per tempo in Spagna. Sabato o domenica il materiale partirà da Tokio e al massimo lunedì sarà a Siviglia.

    Nessun rischio per il GP di Jerez in programma per il primo weekend di maggio, dunque, anche se l’annullamento di Motegi graverà sui già provati bilanci del Motomondiale e bisognerà risolvere tutti i problemi legati a moto, materiali, delegati Dorna e alcuni piloti (tra cui il rookie nipponico Hiroshi Aoyama) “bloccati” in Giappone dopo la chiusura di aeroporti e spazi aerei europei a causa delle ceneri eruttare dal vulcano islandese Eyjafjallajokull.

    Nel caso porteremo le moto dal Giappone per vie alternative, passando per l’Asia oppure per gli Stati Uniti passando dal porto Anchorage (Alaska) e ripartendo verso Siviglia,” ha dichiarato Javier Alonso, direttore degli eventi Dorna Sports, “Ma la situazione sembra essersi normalizzata e tutto sarà a Jerez per il gran premio, forse anche prima.