MotoGP, Suppo elogia il suo pupillo Stoner: “Nel 2011 ha fatto la differenza

Livio Suppo fa i complimenti al suo pilota campione del mondo Stoner per il suoi 16 podi su 17 gare

da , il

    Casey Stoner, Stefan Bradl, Nico Terol

    Livio Suppo elogia le qualità e il 2011 del suoo pilota, voluto fortemente alla Honda, Casey Stoner. L’australiano campione del mondo della MotoGP, in questo anno sportivo ha collezionato 10 vittorie, 12 pole position e 16 podi, numeri da extraterrestre a bordo un’astronave supersonica chimata HRC: “E’ difficile fare classifiche tra i piloti di varie epoche, ogni pilota va relazionato alle stagioni di cui si sta parlando. Casey quest’anno è stato mostruoso. Ben 16 podi su 17 gare e l’unica volta che non ci è riuscito è stato perchè Valentino lo ha steso ad Jerez, quindi lui non ha fatto nessun errore in gara ed è stato costantemente molto veloce”.

    Quel che è apparso chiaro a tutti, è che Stoner ha massacrato la concorrenza che ha provato ad ostacolarlo. A turno si sono arresi prima Dani Pedrosa, per vari infortuni e poi il campione iridato uscente della MotoGP, Jorge Lorenzo.

    Casey, che l’anno prossimo correrà con il numero 1 sulla carena, accoglie i complimenti del suo team manager in HRC, Suppo che non esita a coprirlo di eologi e complimenti: “E’ stato bravo a controllare le gare in cui sapeva di non poter vincere. Se tu guardi Casey dal 2006 ad oggi, cioè da quando ha debuttato in MotoGP, è il pilota che ha vinto più gare nella classe regina, ma anche l’unico ad aver conquistato due mondiali oltre a Valentino. Per questo penso che sia il più forte di questo lasso di tempo”.