MotoGP, test Estoril: Yamaha prova nuove soluzioni

MOTOGP - Il team Yamaha si gode la leadership nel mondiale di Jorge Lorenzo ma non dorme sugli allori: nei test MotoGP dell'Estoril la scuderia iridata ha torchiato le proprie Yamaha YZR M1 per risolvere un po' di problemi e renderle più competitive

da , il

    MotoGP Test Yamaha a Estoril

    MOTOGP – Il team Yamaha si gode la leadership nel mondiale di Jorge Lorenzo ma non dorme sugli allori: nei test MotoGP dell’Estoril la scuderia iridata ha torchiato le proprie Yamaha YZR M1 per risolvere un po’ di problemi e renderle più competitive.

    Jorge Lorenzo in particolare si è dato da fare per provare le novità messe a disposizione dalla casa di Iwata: il campione del mondo ha percorso ben 91 giri per testare le nuove soluzioni di pneumatici Bridgestone, il pacchetto delle sospensioni e un nuovo forcellone.

    JORGE LORENZO – “Sono molto soddisfatto di questa giornata di test. Per tutto il week-end non avevo queste sensazioni positive, un po’ come nel 2009 e 2010. Abbiamo trovato qualcosa in più nella messa a punto che ci consente di sfruttare al meglio le caratteristiche del telaio,” ha dichiarato il campione del mondo in carica della MotoGP e attuale leader della classifica piloti MotoGP 2011, “Penso che con questo bilanciamento possiamo esser più veloce in percorrenza, non mi resta che pensare al prossimo Gran Premio a Le Mans dove l’obiettivo resta quello di conquistare il podio.

    BEN SPIES – Soddisfatto dei test anche l’ex campione Superbike: “E’ stata una giornata di test decente per noi dopo quello che è successo ieri. Abbiamo iniziato da capo e sono felice della sessione. Oggi pomeriggio abbiamo imparato qualcosa che credo possa aiutarci per Le Mans,” ha dichiarato Texas Terror, che deve ancora digerire i problemi avuti nel Gran premio del Portogallo a causa della disattenzione di un meccanico (gli aveva lasciato una pinza attaccata al freno anteriore!), “C’è stato un buon miglioramento anche sul tempo sul giro, ho fatto il meglio che potevo con quello che avevo, quindi non vedo l’ora di andare a Le Mans per ricominciare da capo.”