MotoGP Test Sepang 2016, Valentino Rossi: “Lorenzo è molto veloce”

MotoGP Test Sepang 2016, Valentino Rossi: “Lorenzo è molto veloce”

    Valentino Rossi ha chiuso la seconda giornata dei test di Sepang della MotoGP 2016 col sesto tempo finale. Come nella giornata inauguarale il pilota di Tavullia non è riuscito ad avvicinarsi a Jorge Lorenzo girando quasi 1” più lento del campione del mondo. Siamo solo all’inizio dell’anno e i valori in pista muteranno sicuramente ma quello che si sta notando durante queste prime giornate è un Jorge Lorenzo già a suo agio sia con le Michelin che con la nuova centralina. Valentino, ma anche i due piloti Honda e Ducati, sembrano ancora alla ricerca del feeling giusto con i prototipi e pneumatici mentre lo spagnolo sta già spingendo forte come ha ammesso lo stesso Valentino. Ecco le parole del ‘Dottore’ dopo il Day-2 dei Test di Sepang.

    “Sono abbastanza contento, perché è stata una buona giornata – ha spiegato il numero 46 della MotoGP – Ho provato tante cose e nel complesso sono abbastanza soddisfatto di ciò che abbiamo. Abbiamo migliorato il set-up e fatto un passo avanti sia a livello di passo che sul giro veloce”. Valentino è parso sereno anche se in cuor suo sa che dovrà lavorare duramente per non perdere terreno nei confronti di Lorenzo: “Jorge è molto veloce e anche oggi è stato il più rapido in pista. Lui ha girato con gomma dura e ha fatto quasi lo stesso tempo di Petrucci che era con quella morbida. Anche Barbera e forse anche Marquez hanno usato la soft per fare il giro buono e questo mostra quanto abbia spinto Lorenzo.

    Dopo l’incidente di Baz della mattina la Michelin ha ritirato tutti i pneumatici morbidi e nel pomeriggio, con gomma dura, dopo Lorenzo c’è il tempo di Cal Crutchlow che è sette decimi più lento”. Complimenti dunque a Lorenzo che sembra aver già trovato il bandolo della matassa a differenza di Valentino e degli altri rivali per il titolo mondiale che stanno faticando per ritrovarsi competitivi. Valentino Rossi ha concluso spiegando che lavoro è stato in giornata: “Abbiamo provato le due moto per compararle. Quella dove mi trovo meglio è quella simile al 2015. Stiamo notando che a livello di motore abbiamo guadagnato qualcosina ma fino al Qatar non potremo capire se realmente abbiamo cucino il gap da Honda e Ducati in rettilineo”.

    379

     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI