MotoGP Test Sepang 2017: date, orari e piloti partecipanti

MotoGP Test Sepang 2017: date, orari e piloti partecipanti

    La MotoGP 2017 scenderà in pista a Sepang, in Malesia, per una tre-giorni di test pre-campionato. L’occasione sarà ghiotta per vedere i nuovi prototipi in pista e osservare da vicino tutti quei piloti che hanno cambiato casacca durante il mercato invernale. Da Vinales a Lorenzo, passando per Iannone e i fratelli Espargarò, sono tanti i riders che esordiranno ufficialmente con le nuove tute. Ma vediamo nel dettaglio le date, gli orari e i piloti che parteciperanno a queste intense giornate di test.

    I MotoGP Test Sepang 2017 inizieranno Lunedi 30 Gennaio e si concluderanno Mercoledi 1 Febbraio. Tre giornate che saranno sfruttate appieno dai piloti della classe regina per scoprire tutti i segreti dei nuovi prototipi delle varie case. Per via del fuso orario malese, gli orari dei test saranno mattinieri. Ogni giornata incomincerà alle ore 03.00 e si concluderà alle ore 11.00 italiane. Ma vediamo come si presenteranno le case ai nastri di partenza.

    La Honda, dopo aver vinto il titolo mondiale Costruttori e quello piloti con Marc Marquez, si presenta in Malesia con una line-up immutata rispetto al 2016. Il team ufficiale Repsol Honda avrà ancora Marc Marquez e Dani Pedrosa come alfieri ufficiali. I due spagnoli proveranno la nuovissima RC213V. I team satellite della Honda saranno ancora la LCR e il Marc VDS. La prima, in pista con Cal Crutchlow, mentre il team belga con i confermati Jack Miller e Tito Rabat. Questi tre piloti avranno a disposizione delle moto che saranno il massimo dell’evoluzione del prototipo 2016 con in aggiunta delle importanti novità di sviluppo molto simili a quelle utilizzate dal team ufficiale.

    Attenzione massima nel box Yamaha per vedere all’opera Maverick Vinales, nuovo compagno di box di Valentino Rossi. La nuova M1 dovrà essere veloce e pronta a vincere dopo un 2016 tra luci e ombre, comunque concluso con la vittoria del mondiale riservato ai team. La Tech3, team satellite della casa di Iwata, sarà in pista con i rookie Jonas Folger e Johann Zarco, due-volte campione del mondo di Moto2. La Yamaha ha concesso al team francese del nuovo materiale sviluppato per le proprie M1.

    La Ducati punta in alto e per farlo ha ingaggiato Jorge Lorenzo come compagno di Andrea Dovizioso.

    I due piloti testeranno la nuovissima Desmosedici GP17 che sarà senza le vietate ali aerodinamiche ma che porta delle novità interessanti per migliorare ulteriormente i buoni risultati dello scorso campionato. Come nel 2016, la Ducati avrà in pista altre sei moto con tre team clienti. La Pramac, con i confermati Danilo Petrucci e Scott Redding, sarà la squadra satellite di riferimento. Petrucci guiderà una Desmosedici GP17, simile a quella di Dovizioso e Lorenzo, mentre Redding avrà a disposizione la massima evoluzione della GP16. Avintia Racing ha confermato Hector Barberà (guiderà una GP16 evoluta) e Loris Baz (in pista con una GP15). Il Pull&Bear Aspar ha puntato forte su Alvaro Bautista, in arrivo da Aprilia, e Karel Abraham, nel 2016 in SBK. Bautista avrà a disposizione la GP16 al massimo dell’evoluzione, mentre Abraham una Desmosedici in versione 2015.

    La Suzuki si è rinnovata completamente nella line-up. Persi Vinales e Aleix Espargarò, saranno Andrea Iannone e l’esordiente Alex Rins i due alfieri del 2017. La nuovissima GSX-RR, che non avrà più “aiuti” dal regolamento dopo i buoni risultati ottenuti nel 2016, dovrà cercare di ridurre il gap dalle altre case.

    L’ Aprilia Gresini ha deciso di cambiare entrambi i piloti durante il “mercato”. Sulla moto di Noale vedremo Aleix Espargarò, in arrivo dalla Suzuki, e il rookie Sam Lowes. L’obiettivo della nuova RS-GP sarà quello di avvicinarsi alle altre case e lottare con costanza per le posizioni della top-ten.

    La grande novità della stagione è la KTM. La casa austriaca sarà in pista con i due ex piloti della Tech3 Bradley Smith e Pol Espargarò. Dopo un lungo anno di test, la RC 16 sembra essere finalmente pronta a competere nella classe regina del motomondiale.

    766