MotoGP: torna la Yamaha numero 1

Jorge Lorenzo correrà quest'anno con il numero 1 in bella vista sulla sua Yamaha M1

da , il

    Jorge Lorenzo con la Yamaha numero 1

    Erano un po’ di anni che nella top class del Motomondiale non si vedeva in pista una motocicletta con il numero 1 sulla carena. Finora infatti Valentino Rossi aveva sempre esibito orgoglioso il suo “marchio di fabbrica”, il mitico Numero 46.

    Jorge Lorenzo – che la scorsa stagione aveva rifiutato di applicare il numero 2 alla carena della sua moto (suvvia, a chi piacerebbe essere identificato solamente come il “secondo” quando vorrebbe essere il primo?) – correrà invece quest’anno con il numero 1 in bella vista sulla sua Yamaha M1.

    Lo spagnolo ha infatti rinunciato all’ormai classico 99, numero identificativo della sua Yamaha, ed esibisce fin dai test di Valencia il numero del campione della MotoGP.

    Lorenzo sarà così il primo pilota Yamaha in epoca recente a rinunciare al suo tradizionale numero di gara per apporre sulla sua moto la cifra che suggella il suo ruolo di campione: da quando è iniziata “l’era Valentino Rossi” il campione italiano ha sempre gareggiato con il suo inconfondibile (tanto da diventare un brand) numero 46, e in MotoGP negli ultimi anni solo Nicky Hayden e Casey Stoner hanno voluto cambiare il 69 e il 27 con il classico “numero 1″ durante la stagione in cui hanno corso da iridati.

    Jorge Lorenzo ha voluto ripristinare la tradizione del “numero 1″ e lo ha fatto anche per rendere omaggio a uno degli idoli della sua infanzia, Wayne Rainey, l’ultimo a scendere in pista con una Yamaha numero 1 (e la grafica scelta per la sua carena sembrerebbe essere molto simile a quella dell’ex campione del mondo americano).

    Va da sé che il pilota maiorchino ci ha messo anche un bel po’ di vanità, dato che ambiva da tempo ad essere il campione, il primo della classe MotoGP. E ora che ci è riuscito vuole che sia visibile a tutti e, sopratutto, lotterà con tutte le sue forze per restare al top della classe regina del Motomondiale.