MotoGP Turchia. Rossi accusa Elias e se la prende con la Michelin

MotoGP Turchia

da , il

    MotoGP Turchia. Rossi accusa Elias e se la prende con la Michelin

    Umiliante la gara di Valentino Rossi di oggi, che dopo l’ottima pole di ieri, è stato costretto a chiudere in decima posizione a causa dei tanti problemi con le gomme e con alcuni piloti in pista.

    Se le Michelin non hanno assolutamente fatto il loro lavoro, iniziando a sfilacciarsi ad appena metà gara, Elias ha messo il carico da undici alla pessima giornata di Valentino.

    C’è anche da dire che tra i due non corre buon sangue dopo lo strike di Elias su Rossi nella prima gara di MotoGp anno 2006, nonostante le scuse del primo e il perdono del secondo.

    Elias, comunque, continua a rimanere nella lista nera di Valentino, e a correre talvolta come una miccia impazzita.

    E’ anche vero però che i piloti hanno capito che l’unico modo per battere il talento Valentino è giocare al limite delle regole.

    Rossi è comunque molto deluso dalla prestazione di oggi, e dichiara a caldo: “Sicuramente siamo molto delusi per questi problemi, nelle prove la moto funzionava. All’inizio ho avuto subito problemi con la gomma dietro. Qualcosa non andava dalla parte destra. Avevo paura anche che si rompesse e quindi ho rallentato. Sono deluso, purtroppo anche un po’ colpa mia per un errore all’inizio. Poi tutto sottocontrollo, potevo prendere Stoner. Elias è stato scorretto con me, penso non sia un comportamento giusto. Ha provato anche a chiedermi scusa dopo il traguardo e quindi vi lascio capire. Il problema grosso è che lui mi aveva superato e non c’era bisogno di buttarmi fuori. Stoner è un osso duro, la Ducati sta andando bene ma a questo punto il nostro problema principale sono le gomme.