Motogp USA: i piloti pensano al Cavatappi

Domenica i centauri della Motogp ritornano in pista, sul mitico circuito di Laguna Seca, dove i piloti saranno impegnati nella mitica curva del Cavatappi, in lieve discesa, che fa impazzire tutti quanti!

da , il

    Il circuito di Laguna Seca in California e’ sicuramente uno dei piu’ spettacolari nel panorama del motociclismo moderno. E la sua caratteristica principale e’ proprio il “corkscrew“, cioe’ il cavatappi, una chicane in discesa molto ripida, tanto spettacolare quanto difficile da affrontare.

    La pista statunitense, costruita nel 1957, misura 3610 metri con 7 curve a sinistra e 4 a destra ed un rettilineo di poco meno di un chilometro. E’ decisamente piu’ stretta dei circuiti europei e le vie di fuga non sono sicuramente al livello delle piste piu’ importanti, ma il fascino e’ indiscusso con quella fantastica curva che spesso e’ il punto che fa la differenza per un giro da record.

    Lo sa bene Valentino Rossi che proprio al Corkscrew ha piazzato il sorpasso piu’ bello del 2008, magari non pulitissimo, ma sicuramente una prova di coraggio e determinazione unica. Un frammento della stagione scorsa che ha avuto un’importanza fondamentale: da quel momento e’ iniziato il lento declino psicologico di Casey Stoner che e’ poi crollato negli appuntamenti a seguire sotto i colpi di un solidissimo Dottore.

    Ma non c’e’ solo il pesarese nell’albo d’oro della pista a stelle e strisce: nel 2007 fu proprio Casey Stoner ad aggiudicarsi il Gran Premio dopo due anni di dominio assoluto di Nicky Hayden e la sua Honda HRC, che nelle prime due edizioni nel 2005 e 2006 diede lezioni di guida in terra californiana.