MotoGP Valencia 2010: la pagella del giorno dopo

Il GP di Valencia va a Jorge Lorenzo che si mette davanti Casey Stoner e Valentino Rossi che sale sul podio e saluta l'era Yamaha

da , il

    Anche l’ultima gara di Valencia si è chiusa a favore di Jorge Lorenzo che dopo qualche difficoltà iniziale si è involato verso il successo che gli vale il record di punti in campionato. Sale sul podio anche Casey Stoner che aveva dominato le prove e a lungo ha provato a resistere in testa alla corsa, ma alla fine ha dovuto cedere il primo posto allo spagnolo. Buona gara anche da parte del futuro pilota della Ducati, Valentino Rossi che salta sul gradino più basso del podio e saluta l’era Yamaha. Grande prova anche del trio Dovizioso, Simoncelli e Spies che offrono spettacolo nelle cosiddette retrovie.

    Jorge Lorenzo-9.5- Il centauro campione del mondo della MotoGP parte in maniera discreta e dopo una scazzottata con Simoncelli, che puntava al podio, mette giù la testa e ca a riprendersi con autorità le posizioni che gli competono. Ma deve sudare sette camice per strappare il primo posto a quel fulmine di Stoner. Questa volta il suo stato di forma e la sua Yamaha più composta rispetto alla ballerina Ducati, gli valgono la vittoria e il record di punti in una sola stagione. Il pilota più forte sulla moto più forte

    Casey Stoner-9-L’australiano futuro pilota della Honda, dopo una serie di gara non all’altezza della sua fama, sfodera una prestazione tutta cuore e talento. Partendo dalla prima casella dello schieramento cerca di opporsi agli attacchi di Lorenzo e agli scossoni della sua Desmosedici. Che fatica tenerla in piedi e andare con quel passo di gara. Alla fine deve arrendersi ma va bene così. Cavallo di Razza

    Valentino Rossi-7meno- Il pilota di Tavullia porta per l’ultima volta la Yamaha sul gradino più basso del podio e riesce in parte a sopperire alle difficoltà evidenziate in tutto il week-end delle qualifiche valenciane. Purtroppo nel momento decisivo cede di schianto e si accontenta del podio. Sarà stata l’emozione, ma anche l’ormai ex compagno di squadra hanno contribuito alla resa del Dottore. Alla fine accumula anche un discreto ritardo dalla testa. In vacanza

    Ben Spies-6- L’americano della Yamaha clienti conduce una corsa di attesa e alla fine conquista un quarto posto insperato, se si vede la foga con la quale i due italiani si sfidano davanti la sua moto. Alla fine tra i due litiganti, la spunta Texas Terror, come se fosse il pilota più esperto fra i tre contendenti. Ben Fox

    Andrea Dovizioso-7.5- L’italiano della Honda non ci sta a farsi mettere sotto dal collega della moto satellite, perlopiù esordiente nella MotoGP. Inizia un duello, con il connazionale Simoncelli, che si sovrappone alla sfida per la vittoria che vivacchia di guerre sul cronometro piuttosto che di sportellate in pista. Spettacolo puro per i paganti del Gran Premio di Valencia, che alla fine si fanno beffare dal futuro pilota ufficiale della Yamaha, Ben Spies. Oggi per il Dovi può andar bene così. Deciso

    Marco Simoncelli-7- Anche se conquista solo il sesto posto, oggi Super Sic aveva il ritmo da podio e solo la grinta di un ritrovato Dovizioso lo ha tenuto lontano dalle posizioni alte della corsa. Per il resto diventa un osso duro per qualsiasi pilota e promette nuove battaglie e miglioramenti per il 2011. Rabbioso

    Dani Pedrosa-no comment- Dopo la solita partenza a molla, lo spagnolo della HRC si dissolve come la nebbia al mattino. Non è ancora a posto dopo l’infortunio e si vede, ora si spera abbia tempo per rimettersi in piena forma Ammaccato

    Nicky Hayden-4- Dopo le buone sensazioni messe in mostra nel warm-up, lo statunitense della Ducati Desmosedici si spalma sull’asfalto di Valencia chiudendo una stagione comunque buona e costante. Affrettato