MotoGP Valencia 2013, Marquez VS Lorenzo: tutto pronto per il gran finale!

Anteprima del Gran Premio di Valencia 2013 della MotoGP

da , il

    Siamo giunti al capitolo finale di questa esaltante stagione 2013 della MotoGP! Questo week-end, darà finalmente l’esito finale di questa avvincente stagione motociclistica, che assegnerà il titolo iridato al nuovo campione del mondo 2013, nella categoria più prestigiosa al mondo delle due ruote. Occhi puntati sulle possibili combinazioni che potrebbero consegnare il trofeo di campione ai due principali contendenti: Marc Marquez e Jorge Lorenzo. Ogni probabilità è ancora aperta in questa ultima gara di Valencia; in casa dei due mattatori di questo campionato, potrebbe accadere di tutto e senza esclusione di colpi di scena. Un Gran Premio in terra spagnola tutto da seguire, per assistere finalmente, all’incoronamento del pilota più meritevole di questo prestigioso titolo.

    Addentriamoci pertanto in questo week-end, che potrebbe accendere una nuova stella nel firmamento della MotoGP, oppure farne splendere una in maniera ancor più accecante!

    Uno sguardo indietro

    Dobbiamo arretrare fino al 2006 per poter rivivere una gara in cui le condizioni si presentarono molto simili. In quella circostanza i due contendenti all’ultima gara furono Valentino Rossi e Nicky Hayden. Due piloti separati da un distacco consistente, che si riduce considerevolmente a causa della scivolata del pilota di Tavullia nelle prime fasi di gara. Un epilogo impensabile, che regalò a Nicky Hayden il suo unico titolo iridato in sella alla casa alata. Il confronto ora è lo stesso; Honda contro Yamaha, Marquez VS Lorenzo! Sono solo i fantini a cambiare, ma i cavalli sono sempre gli stessi. Nel 2006 la spuntò Tokyo; Iwata vorrà la rivincita? Tutto è possibile: Marquez non può permettersi errori grossolani, né tentennamenti; Lorenzo deve dare il massimo per non veder sfumare un sogno ancora possibile. Elementi degni di una volata finale adrenalinica ed esaltante, che potrebbe lasciare un’impronta importante nella storia di questo sport fantastico.

    Un duello infinito

    Qatar: un pilota in sella alla Yamaha con un virtuale numero 1 sul cupolino, riprende il discorso lasciato in sospeso nella stagione precedente. Il campione del mondo in carica, sembra voler ribadire la sua superiorità già alla prima gara, ma in quella gara è presente un esordiente di lusso: Marc Marquez. Il giovane rookie inizia bene la sua stagione conquistando il suo primo podio nella classe regina. Una prestazione che convince tutti riguardo le scelte di casa HRC. Sarà però Austin a concretizzare con i fatti, quello che è un astro nascente, impetuoso e volenteroso di imporsi sempre. Un avvio di stagione che gli regalerà già diversi primati all’interno della storia del motociclismo. Un inizio con continui passaggi di testimone tra Lorenzo, Marquez e Pedrosa, ma sarà Marquez ad avere molte più chance disponibili, grazie anche agli infortuni che hanno visto protagonisti il suo compagno di squadra, ma sopratutto Lorenzo. Un’autostrada libera che gli farà conquistare ben 4 vittorie consecutive, che lo catapulteranno prepotentemente in vetta alla classifica mondiale. Tutto chiuso apparentemente fino a Silverstone, quando un Lorenzo completamente ripreso dal grave infortunio, dà un sonoro schiaffo al suo avversario, vincendo una gara strepitosa. Il pilota maiorchino, bissa poi il successo anche a Misano con una prestazione da “imbattibile”. Il divario però è ancora eccessivo e Marquez si riprende un po’ di scena e punti ad Aragon, facendo presagire un probabile titolo sempre più vicino.

    Una squalifica che riapre tutto

    Ciò che è successo in Australia, è stato quanto di più assurdo avremmo potuto assistere in questo campionato. Bridgestone se la fa sotto e per questo chiede di stravolgere una gara importantissima, con delle regole a dir poco assurde (ma a quanto pare essenziali…). Sarà proprio l’alfiere di casa Honda, a pagare in maniera pesantissima, la dura penalità dettata dal regolamento improvvisato. Una squalifica in gara per non aver rispettato il numero di giri disponibili prima del flag to flag obbligatorio. Marquez perde 25 punti dal suo rivale che andrà a vincere la gara; gap ridotto e giochi riaperti. Primo match-point annullato dal maiorchino, ma c’è sempre Motegi, casa Honda: Lorenzo prevale, Marquez si spaventa e si accontenta. Secondo match-point annullato dal campione del mondo in carica e tutto rimandato a Valencia.

    Ultimo match-point!

    Valencia, rappresenta l’ultima occasione disponibile per mettere il sigillo definitivo in questa stagione da parte dei due piloti spagnoli. Certo è che Marquez ha in mano carte migliori, carte che una volta sul tavolo lo incoronerebbero come nuovo, storico campione del mondo della classe MotoGP. Se è vero però che una nuova stella potrebbe nascere e cominciare a splendere, dall’altra parte ce n’è una che già brilla e, se dovesse trovarsi in condizioni favorevoli, potrebbe splendere al punto di accecare tutti.

    Resta solo da vedere, quale dei due astri, avrà più gas!

    Buon GP a tutti!

    [sondaggio id="401"]

    A cura di Alessio Mora