MotoGP Valencia 2015, Lorenzo: “Pentito per il pollice verso, dobbiamo rispettare la decisione del TAS”

Jorge Lorenzo è stato intervistato dopo la sentenza del Tas sul ricorso di Valentino Rossi alla penalizzazione ricevuta dopo il Gran Premio di Sepang. Ecco le parole dello spagnolo.

da , il

    La consueta conferenza stampa del Giovedi è stata annullata ma la Federazione ha deciso lo stesso di far parlare alcuni piloti in mini interviste singole. Tra gli intervistati c’era Jorge Lorenzo che Domenica si giocherà le sue chance di vincere il titolo di campione del mondo. Lo spagnolo ha un gap di 7 punti nei confronti di Rossi che partirà però dall’ultima posizione dopo la penalizzazione subita a Sepang e confermata dal TAS. Lorenzo dovrà fare una gara d’attacco per mettere più punti possibili tra sè e Valentino per poi sperare di ritrovarsi sotto la bandiera a scacchi come nuovo campione del mondo. Seguite insieme a noi la gara LIVE in diretta web della MotoGP Valencia 2015 CLICCANDO QUI!

    Intervista di Jorge Lorenzo a Valencia

    Dopo che il TAS ha confermato la penalità a Valentino Rossi, Jorge Lorenzo è diventato il favorito per la vittoria del titolo. Lo spagnolo ha tante combinazioni per vincere ma molto dipenderà anche dalla rimonta che riuscirà a fare Valentino. Riuscirà Lorenzo a battere Rossi proprio all’ultima gara? Ecco la mini-intervista di Lorenzo: “Sono felice di correre per la Yamaha e di correre per vincere il titolo – ha spiegato lo spagnolo – Sono un ragazzo fortunato e ho una grande opportunità di dimostrare il mio potenziale. Dobbiamo rispettare le decisioni del TAS anche se questo non cambia il mio modo di approcciarmi alla gara: io cerco sempre di trarre il massimo da me e dalla moto fin dalla prima sessione di libere. Obiettivo per Domenica? Cercherò di correre la miglior gara della carriera.” Jorge Lorenzo fa poi ‘mea culpa’ per quello che è successo sul podio di Sepang: “Sono pentito del gesto che ho fatto sul podio di Sepang (pollice verso alla premiazione di Rossi ndr.) e voglio scusarmi con chi l’ha visto in tv, perché non è un esempio di sportività.” Jorge non ha poi voluto entrare in nuove polemiche tenendo il basso profilo sulle domande spigolose sul suo rapporto con Valentino e Marquez: “Io e Rossi siamo uno dei migliori team del mondo e dobbiamo cercare collaborare. La Yamaha ha fatto un ottimo lavoro e spero di restare con loro a vita ma i matrimoni si fanno in due. Per quanto riguarda Domenica io penso che Rossi potrà recuperare in gara ma molto dipenderà anche dalla posizione che riuscirò a tenere io durante gara. Dopo Sepang non ho sentito nè Valentino nè Marc, nel paddock tutti pensano a se stessi. Dobbiamo sfruttare tutto il tempo a disposizione per fare il meglio possibile. Alcuni piloti aiuteranno Rossi nella rimonta? non so, non ho un’opinione a riguardo.”