MotoGP Yamaha: Lorenzo, “Più vicini alla Honda”

MOTOGP - I piloti della Yamaha sono soddisfatti della prima giornata di test sul circuito di Losail: rispetto a Sepang le Yamaha YZR M1 hanno contenuto il ritardo rispetto alle Honda RC212V, dominatrici in Malesia così come finora in Qatar

da , il

    MotoGP, test Qatar - Lorenzo

    MOTOGP – I piloti della Yamaha sono soddisfatti della prima giornata di test sul circuito di Losail: rispetto a Sepang le Yamaha YZR M1 hanno contenuto il ritardo rispetto alle Honda RC212V, dominatrici in Malesia così come finora in Qatar.

    Il campione del mondo in carica Jorge Lorenzo e lo statunitense Ben Spies sono sembrati capaci di stare dietro a Dani Pedrosa, Casey Stoner e il sorprendente Hiroshi Aoyama, e ora sperano di migliore ulteriormente in vista del gran premio d’esordio del mondiale 2011.

    YAMAHALa scuderia campione del mondo sembra aver recuperato terreno nei confronti della Honda, vera protagonista dei test pre-stagionali della MotoGP. Ieri a Losail Ben Spies e Jorge Lorenzo hanno ottenuto il quarto e il quinto posto, contenendo lo svantaggio nei confronti delle RC212V.

    LORENZO – “Abbiamo provato diverse cose per rendere la moto più stabile quando apro il gas,” ha dichiarato Porfuera, “Complessivamente abbiamo svolto un buon lavoro perchè abbiamo ridotto al gap dalle Honda rispetto a Sepang: adesso siamo più vicini e di questo sono soddisfatto. Continueremo a provare diverse novità nella messa a punto, il nostro principale obiettivo in questo momento è di trovare una migliore trazione, speriamo di riuscirci in vista della gara di domenica.”

    SPIES – “Abbiamo lavorato nella giusta direzione oggi e speriamo di migliorare ancora. Domani proveremo pneumatici che non abbiamo ancora utilizzato, tutto sommato è stata una buona prima sessione,” ha commentato invece Texas Terror, “La moto sembra essere più vicino al vertice rispetto a Sepang e ho aspettative abbastanza buone. La pista è molto più scorrevole qui e si adatta bene alla nostra moto. Penso che questa dovrebbe essere un circuito dove dovremmo andar bene.”