MotoMercato. Nicky Hayden in Ducati e Sete Gibernau…dove?

ducati-gp8, sete-gibernau, motore-desmodromico, motore-valvole-pneumatiche, nico-cereghini

da , il

    Sete Gibernau

    Il Campionato MotoGP non è iniziato che da 7 gare, eppure già le prime pedine del MotoMercato 2009 sembrano messe.

    Il nuovo MotoMondiale sta dando risultati imprevisti in termini di potenzialità di moto, gomme e piloti.

    Se da un punto di vista meramente tecnico, le soluzioni di quest’anno sembrano abbastanza accettabili (tranne il tira e molla Honda con il motore a valvole pneumatiche e qualche acciacco desmodromico), dal fronte “Risorse Umane”, invece, alcuni piloti sono già in giro alla cerca di un contratto per il prossimo anno.

    Gente che viene, gente che va, grande sorpresa dei paddock di Barcellona è stato il biondo ipertricotico Sete Gibernau che aveva salutato la MotoGP qualche anno fa, ma che evidentemente ci ha ripensato. Motivazione ufficiale della sua presenza al circuito di Montmelò è stata: “ sono qua per salutare vecchi amici”. Certo… non fosse che in un’intervista televisiva durante il sabato di Grand Prix Moto, il pilota iberico non abbia negato di voler tornare a gustare il sapore dell’asfalto.

    Palline della bussola tra cui scegliere? C’è l’ imbarazzo. Team Gresini, Ducati e soprattutto le due moto verdone della Kawasaki la quale, visti i risultati non eccessivamente brillanti di Anthony West, starebbe pensando ad un’altra carta da giocarsi.

    Dal verde al rosso, in Ducati si stanno arrovellando il cervello per come risolvere il problema Melandri che in queste prime 7 gare non ha portato a casa troppi buoni risultati. Sembra che Borgo Panigale si stia muovendo in direzione Nicky Hayden, Campione del Mondo presto dimenticato che potrebbe vivere una sua seconda giovinezza con un motore desmodromico, probabilmente a lui più congeniale. Americani e australiani preferiscono moto più “wild”, selvagge, potenti, cavalli imbizzarriti da domare, e la Ducati GP9 (si chiamerà così?) potrebbe essere una buona soluzione.

    Una voce d’autore, però, arriva da Nico Cereghini che a Fuori Giri ha consigliato alla Ducati di puntare su un giovane pilota e farlo crescere, sostanzialmente quello che ha fatto la Honda con Pedrosa.

    Se Hayden passasse in Ducati e nessun pilota della 250cc con potenzialità di “upgrade” prendesse il suo posto… quale miglior direzione, a questo punto, per Dovizioso?